Adolescenti rifugiati a New York rivelano gli orrori della fuga dalla guerra in Ucraina

Adolescenti rifugiati a New York rivelano gli orrori della fuga dalla guerra in Ucraina

Adolescenti rifugiati a New York rivelano gli orrori della fuga dalla guerra in Ucraina

Diana Yuzuik ha osservato e aspettato che i soldati russi invadessero la sua casa nel villaggio di Rivine nell’Ucraina occidentale, incollata a un feed di sicurezza che invia video al suo telefono.

Sebbene il suo villaggio non abbia assistito al sanguinoso combattimento di Kiev o dell’Ucraina meridionale, ha assorbito i bombardamenti a lungo raggio e Yuzuik è stata testimone di un recente attacco di missili russi che in seguito ha appreso che ha ucciso 19 civili.

Ma la quindicenne sta guardando tutto dalla sicurezza di New York City, dove si trova con sua nonna.

“Arrivano sempre di notte”, ha detto dei missili russi che hanno fatto piovere terrore sulla sua città natale.

Yuzuik è uno dei pochi adolescenti del paese dilaniato dalla guerra che sono recentemente sbarcati alla St. George Academy, una scuola superiore nell’East Village di Manhattan associata all’omonima Chiesa cattolica ucraina.

Il preside Andrew Stasiw ha dichiarato martedì mattina di aver appena ammesso il suo quinto rifugiato ucraino dall’inizio dell’invasione russa di quel paese il 24 febbraio.

Maksym Kosar (da sinistra), Diana Yuzuik e Marta Slaba si sono recentemente iscritte alla St. George Academy nell'East Village di Manhattan, non potendo tornare nel loro paese d'origine, l'Ucraina.
Maksym Kosar (da sinistra), Diana Yuzuik e Marta Slaba si sono recentemente iscritte alla St. George Academy nell’East Village di Manhattan, non potendo tornare nel loro paese d’origine, l’Ucraina.
Stefano Yang

“Siamo una scuola di preparazione boutique, ma ne stiamo accogliendo il maggior numero possibile”, ha detto.

Read:  La donna di Washington Margaret Channo è stata condannata per aver bruciato auto della polizia durante la protesta

Tra i nuovi studenti c’è Maksym Kosar, un diciassettenne di Irano Frankivsk, a circa 525 miglia da Kiev. Nel periodo precedente la guerra, Maksym aveva uno zaino pieno di documenti importanti, un passaporto, forniture mediche e acqua in bottiglia. Il giorno in cui è iniziata la guerra, il 24 febbraio, “Mio padre mi ha detto che i missili russi avevano colpito l’aeroporto vicino a noi”, ha ricordato l’adolescente. “Ha detto: ‘Ti porto in Polonia'”.

All'inizio della guerra, il padre di Kosar aveva abbastanza benzina in macchina per guidare fino al confine dove il giovane delle superiori è stato lasciato da solo.
All’inizio della guerra, il padre di Kosar aveva abbastanza benzina in macchina per guidare fino al confine dove il giovane delle superiori è stato lasciato da solo.
Stefano Yang

Suo padre aveva abbastanza benzina in macchina per guidare fino al confine dove Kosar, un liceale, è stato lasciato da solo. Sua madre, Viktorria, era già negli Stati Uniti, avendo vissuto qui da quando si è separata dal marito sette anni fa. Suo padre, direttore di produzione di una fabbrica, è ora “nella forza di difesa del territorio, se necessario.

“Sarò qui fino alla fine della guerra”, ha detto Kosar.

Marta Slaba è di Leopoli, la seconda città più grande dell'Ucraina.  Se ne andò con sua madre dopo lo scoppio della guerra, ma suo padre rimase per unirsi alla resistenza.
Marta Slaba è di Leopoli, la seconda città più grande dell’Ucraina. Se ne andò con sua madre dopo lo scoppio della guerra, ma suo padre rimase per unirsi alla resistenza.
Stefano Yang

Yuzuik, una studentessa di decima elementare, era in visita a sua nonna a New York quando scoppiò la guerra. È rimasta in contatto con i compagni di classe della sua città natale.

“Hanno molta paura”, ha detto Yuzuik. “Ogni volta che le sirene suonano devono dirigersi verso i bunker. Escono sei volte a notte.

Read:  La videocamera del campanello mostra una rapina terrificante dopo che l'uomo si atteggia a venditore di caramelle

Marta Slaba è di Leopoli, la seconda città più grande dell’Ucraina, che negli ultimi giorni è stata oggetto di pesanti bombardamenti da parte dei russi. Se ne andò con sua madre dopo lo scoppio della guerra, ma suo padre rimase per unirsi alla resistenza. “È molto testardo”, ha detto il tredicenne della nona elementare.

Il preside Andrew Stasiw (sopra) dice che alcuni studenti perdono la lezione perché sono stati svegli tutta la notte a monitorare gli eventi nella loro patria assediata.
Il preside Andrew Stasiw (sopra) dice che alcuni studenti perdono la lezione perché sono stati svegli tutta la notte a monitorare gli eventi nella loro patria assediata.
Stefano Yang

Il preside Stansiw ha detto che si aspetta che il rivolo di studenti ucraini aumenterà nelle settimane e nei mesi a venire.

La guerra ha messo uno stress emotivo speciale nella scuola, dove il 40 per cento dei circa 100 studenti sono nati in Ucraina e la maggior parte del resto ha forti legami con la propria patria, come prima o seconda generazione di ucraini-americani. Stasiw ha detto che alcuni studenti saltano la lezione perché sono stati svegli tutta la notte a monitorare gli eventi nella loro patria assediata. Uno studente di Kiev, ha detto, piange ogni giorno.

Il quaranta per cento dei circa 100 studenti della scuola proviene dall'Ucraina.
Il quaranta per cento dei circa 100 studenti della scuola proviene dall’Ucraina.
Stefano Yang

Ha toccato anche la famiglia di Stasiw. I suoi genitori sono entrambi di origine ucraina e ha detto che sua cugina Anna Stasiw ha trascorso giorni in un bunker a Kiev con suo figlio di nove anni, Artur, “spaventato a morte” mentre Vladimir Putin ha inviato quasi 200.000 soldati attraverso l’est confine e iniziò a bombardare la capitale. Anna e Artur alla fine si sono recati in Polonia mentre suo marito è rimasto a combattere.

Read:  Cosa significa il sequestro da parte della Russia della più grande centrale nucleare dell'Ucraina?

“La gente dice di essere preoccupata per l’inizio della terza guerra mondiale, ma sta già accadendo”, ha detto Stasiw. “I combattenti della resistenza non stanno solo salvando l’Ucraina, stanno salvando l’Europa. Putin non si fermerà con l’Ucraina”.

Oltre ai tre qui presenti, la scuola ha recentemente iscritto altri due rifugiati ucraini.
Oltre ai tre qui presenti, la scuola ha recentemente iscritto altri due rifugiati ucraini.
Stefano Yang

Ha ammesso che desidera che il popolo di Putin “lo porti fuori… quello che sta accadendo ora è un genocidio”.

Contro il trambusto di una normale giornata scolastica – studiare scienze, matematica o studi sociali e prepararsi per gli esami Regents – la guerra non è mai lontana dai pensieri degli studenti o dei docenti.

Date scene come questa vicino al centro di Kiev, studenti "preoccupati che potrebbero non rivedere mai più i loro cari a casa," disse il preside.
Date scene come questa vicino al centro di Kiev, gli studenti “preoccupano di non rivedere mai più i loro cari a casa”, ha detto il preside.
AP

Un murale nel corridoio della scuola è coperto di cartelli realizzati dagli studenti prima dell’arrivo dei cinque più recenti. “Ferma Putin, ferma la guerra”, si legge in uno. “L’Ucraina resisterà!” “Ripara il nostro cielo/Ci occuperemo del resto.” “Oggi l’Ucraina sta salvando il mondo!” Alcuni sono scritti in Ucraina.

“Sono tutti studenti brillanti”, ha detto Stasiw dei nuovi iscritti. “Ma temono che potrebbero non rivedere mai più i loro cari a casa”.