Apple, Facebook è caduto in truffa e ha dato via i dati degli utenti: report

Apple, Facebook è caduto in truffa e ha dato via i dati degli utenti: report

Apple, Facebook è caduto in truffa e ha dato via i dati degli utenti: report

Apple Inc. e la società madre di Facebook sono cadute in una truffa via e-mail e hanno consegnato alcuni dati degli utenti a falsi funzionari delle forze dell’ordine, afferma un nuovo rapporto bomba.

I criminali informatici che hanno utilizzato domini violati appartenenti a più forze dell’ordine hanno presentato false “richieste di emergenza” per informazioni su determinati utenti, ha riferito Bloomberg News mercoledì.

Le società hanno fornito dati di base come numeri di telefono, indirizzi di casa e indirizzi IP, secondo Bloomberg, che ha citato le fonti.

Tali dati potrebbero quindi essere utilizzati dagli hacker per scatenare campagne di molestie o per tentare di lanciare schemi di frode finanziaria, ha affermato Bloomberg.

Read:  Spiagge travolgenti di alghe sulla costa caraibica del Messico

Le richieste di emergenza possono essere presentate senza un ordine del tribunale o una citazione. Le richieste di emergenza possono essere presentate in caso di minacce “imminenti” in cui la vita o l’incolumità di qualcuno potrebbe essere in pericolo.

Le richieste contraffatte sarebbero arrivate nel 2021 da domini reali delle forze dell’ordine in più paesi, con un numero incalcolabile di utenti interessati. Anche Snap Inc. e Discord sono stati presi di mira, sebbene Snap non abbia confermato se ha fornito informazioni in una richiesta contraffatta, ha affermato Bloomberg.

Il logo Apple è visibile in un Apple Store a Brooklyn, New York, USA, il 23 ottobre 2020.
Apple e Meta hanno fornito dati personali online ad hacker che si spacciano per agenti delle forze dell’ordine, secondo un rapporto di Bloomberg.
REUTERS/Brendan McDermid/file

Si ritiene che i minori negli Stati Uniti e nel Regno Unito siano dietro almeno alcune delle richieste, che sono state inventate per sembrare provenienti da fonti legittime, a volte anche utilizzando firme di veri funzionari delle forze dell’ordine, hanno detto fonti a Bloomberg.

Read:  Il video mostra un poliziotto del Michigan che spara a morte a un uomo di colore

Secondo il rapporto, i ricercatori ritengono che altri coinvolti includano membri del gruppo di hacker Recursion Team e la persona dietro il gruppo Lapsus$, che presumibilmente ha violato Microsoft Corp. e altri.

I portavoce di Apple e Meta non hanno risposto immediatamente alle e-mail di The Post giovedì.

Il segno del logo Meta di Facebook è visibile presso la sede dell'azienda a Menlo Park, in California, il 28 ottobre 2021.
Le autorità stanno attualmente indagando su quanti utenti sono stati interessati dal fatto che Apple e Meta abbiano divulgato informazioni personali.
Foto di AP/Tony Avelar, file

Ma il portavoce di Meta, Andy Stone, ha detto a Bloomberg che la società esamina ogni richiesta di dati “per verificarne la sufficienza legale” e convalida la richiesta per rilevare gli abusi.

“Blomiamo gli account noti compromessi dall’effettuare richieste e collaboriamo con le forze dell’ordine per rispondere a incidenti che coinvolgono sospette richieste fraudolente, come abbiamo fatto in questo caso”, ha affermato Stone in una nota.

Read:  Il politico britannico arrestato per stupro viene rilasciato su cauzione

Apple non ha affrontato i dati compromessi, ma ha rinviato Bloomberg alla sua politica in base alla quale l’azienda può contattare un governo o un supervisore delle forze dell’ordine per confermare che qualsiasi richiesta è legittima.

Un hacker.
Gli hacker sarebbero stati negli Stati Uniti e nel Regno Unito, ha riferito Bloomberg.
Getty Images

Entrambe le società delineano la quantità di richieste di emergenza che ricevono e soddisfano.

Il sito Web di Apple afferma che il gigante della tecnologia ha ricevuto 283 richieste negli Stati Uniti e 1.162 in tutto il mondo tra luglio e dicembre 2020. Apple ha soddisfatto il 93% delle richieste, afferma il suo sito Web.

Il sito Web di Meta afferma che la società ha ricevuto 211.000 richieste da gennaio a giugno 2021 e ha fornito almeno alcune informazioni in quasi il 71% delle richieste.