Blinken afferma che la NATO è “pronta” per la guerra mentre l’ambasciata americana accusa la Russia di crimini di guerra

Blinken afferma che la NATO è "pronta" per la guerra mentre l'ambasciata americana accusa la Russia di crimini di guerra

Blinken afferma che la NATO è “pronta” per la guerra mentre l’ambasciata americana accusa la Russia di crimini di guerra

Il segretario di Stato Antony Blinken ha dichiarato venerdì che l’alleanza della NATO è “pronta” per un conflitto con la Russia, se necessario, dopo che l’ambasciata americana in Ucraina ha accusato il presidente russo Vladimir Putin di aver commesso un crimine di guerra ordinando un attacco alla più grande centrale nucleare d’Europa.

“La nostra è un’alleanza difensiva”, ha detto Blinken prima di un incontro con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg a Bruxelles. “Non cerchiamo alcun conflitto. Ma se si verifica un conflitto, siamo pronti e difenderemo ogni centimetro del territorio della NATO”.

Il segretario di Stato ha fatto eco alle osservazioni fatte poco prima da Stoltenberg, che ha insistito sul fatto che mentre l’alleanza stava fornendo sostegno all’Ucraina, “la NATO non è parte del conflitto”.

“La NATO è un’alleanza difensiva. Non cerchiamo la guerra, il conflitto con la Russia. Allo stesso tempo, dobbiamo assicurarci che non ci siano malintesi sul nostro impegno a difendere e proteggere i nostri alleati”, ha aggiunto il Segretario generale.

Stoltenberg ha anche condannato l’assalto notturno russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, dicendo che “dimostra l’incoscienza di questa guerra e l’importanza di porvi fine e l’importanza che la Russia ritiri tutte le sue truppe e si impegni[ing] in buona fede negli sforzi diplomatici”.

Read:  Biden parteciperà al vertice della NATO la prossima settimana
L'Ambasciata ha pubblicato la sua dichiarazione su Twitter.
L’ambasciata ha pubblicato la sua dichiarazione su Twitter.

L’ambasciata americana ha fatto un passo avanti inoltre, twittando: “È un crimine di guerra attaccare una centrale nucleare. Il bombardamento da parte di Putin della più grande centrale nucleare d’Europa porta il suo regno del terrore un passo avanti. #L’Aia #Zaporizhzhia #StandwithUcraina.”


Ricevi le ultime novità aggiornamenti nel conflitto Russia-Ucraina con la copertura in diretta di The Post.


I bombardamenti delle forze russe avevano provocato un incendio in un centro di addestramento nel complesso della centrale nucleare. I rapporti dell’incendio nel mezzo di uno scontro a fuoco in corso tra gli invasori e le forze ucraine hanno portato Kiev Il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba avverte su Twitter: “Se è così [the plant] esplode, sarà 10 volte più grande di Chornobyl!”

Una mappa mostra le aree minacciate dall'incursione russa.
Una mappa mostra le aree minacciate dall’incursione russa.

Le forze russe in seguito hanno preso il controllo della struttura e il capo dell’organismo di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite ha affermato che non sono stati segnalati picchi di radiazioni a seguito dei combattimenti.

Tre soldati ucraini sono stati uccisi e altri due sono rimasti feriti nell’attacco, secondo l’Associated Press.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha rapidamente sbattuto il Cremlino, chiedendo ancora una volta all’Europa di unirsi all’Ucraina per fermare le truppe russe.

Read:  La maggior parte degli americani sostiene il divieto di petrolio alla Russia
L'ambasciata americana in Ucraina ha accusato la Russia di aver commesso un crimine di guerra.
L’ambasciata americana in Ucraina ha accusato la Russia di aver commesso un crimine di guerra.
Sean Gallup

“Nessuno stato tranne la Russia ha mai aperto il fuoco contro le centrali nucleari”, Egli ha detto. “Per la prima volta nella storia umana, uno stato terrorista ha fatto ricorso al terrore nucleare. Solo un’azione europea immediata può fermare le truppe russe”.

Tuttavia, a seguito di una riunione dei ministri degli esteri della NATO venerdì, Stoltenberg ha avvertito che “è probabile che i giorni a venire saranno peggiori, con più morti, più sofferenze e più distruzione”.

Oltre a insistere sul fatto che le truppe americane non saranno inviate per aiutare l’Ucraina, l’amministrazione Biden ha smesso di accusare le forze russe di aver commesso crimini di guerra, nonostante le numerose segnalazioni di aree civili mirate alla distruzione.

L'immagine di un oggetto luminoso e brillante che atterra sul terreno della centrale nucleare di Zaporizhzhia venerdì 4 marzo.
L’immagine di un oggetto luminoso e brillante che atterra sul terreno della centrale nucleare di Zaporizhzhia venerdì 4 marzo.
AP

Mercoledì, in risposta a un giornalista che ha chiesto: “Credi che la Russia stia commettendo crimini di guerra in Ucraina?”, Biden ha risposto: “Lo stiamo seguendo da vicino. È presto per dirlo”.

Giovedì, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha appoggiato la cautela del presidente.

“Il presidente Zelensky ha affermato che le azioni della Russia costituiscono chiaramente un crimine di guerra. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha anche affermato che il prendere di mira i civili da parte della Russia si qualifica pienamente come un crimine di guerra. Il presidente non sarebbe andato così lontano quando gli è stato chiesto ieri. Perché è stato riluttante a etichettare le azioni della Russia come un crimine di guerra?” ha chiesto un giornalista durante una conferenza stampa.

Read:  Il consiglio comunale di Parkersburg ha ordinato di smettere di recitare la preghiera durante le riunioni
Un'esplosione vista sul terreno della centrale nucleare di Zaporizhzhia.
Un’esplosione vista sul terreno della centrale nucleare di Zaporizhzhia.
AP

“Beh, c’è un processo e abbiamo sostenuto un processo internamente – un team interno – per valutare, guardare e valutare le prove di ciò che stiamo vedendo accadere sul campo”, ha risposto Psaki.

“Questa è una parte standard del nostro processo nel governo degli Stati Uniti. Vorrei sottolineare che lavoriamo a stretto contatto con i nostri partner internazionali e forniremo tutte le informazioni che emergono attraverso questo processo”.

Psaki ha riconosciuto che l’amministrazione ha ricevuto rapporti che dettagliano “una serie di tattiche barbare” da parte della Russia, incluso il prendere di mira i civili.

I vigili del fuoco lavorano all'ingresso della centrale nucleare di Zaporizhzhia dopo l'attacco.
I vigili del fuoco lavorano all’ingresso della centrale nucleare di Zaporizhzhia dopo l’attacco.
SERVIZI DI EMERGENZA STATALE DELL’UCRA
Il fumo fuoriesce da un edificio all'ingresso della centrale nucleare di Zaporizhzhia.
Il fumo fuoriesce da un edificio all’ingresso della centrale nucleare di Zaporizhzhia.
SERVIZI DI EMERGENZA STATALE DELL’UCRA

“Sono tutti fattori che esaminiamo”, ha detto. “E ancora, quell’interag- quel processo che è stato interrotto fornirebbe qualsiasi informazione alla CPI [International Criminal Court] o qualsiasi altro organismo internazionale che stia esaminando questo.

Sebbene la Corte penale internazionale abbia aperto un’indagine sui crimini di guerra russi denunciati, né gli Stati Uniti né la Russia sono membri del corpo.

La Casa Bianca non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento del Post.