Bollette di New York ostacolate da problemi informatici, carenza di personale: fonti

Bollette di New York ostacolate da problemi informatici, carenza di personale: fonti

Bollette di New York ostacolate da problemi informatici, carenza di personale: fonti

Il municipio sta togliendo un byte alla democrazia.

A tre mesi dal mandato della Presidente del Consiglio Adrienne Adams, i nuovi progetti di legge si stanno muovendo a un ritmo glaciale a causa di “problemi tecnologici” e della carenza di personale, hanno detto a The Post.

Durante i primi tre mesi di Adams come relatore, 138 progetti di legge sono stati presentati dai membri del Consiglio, di cui due successivamente ritirati, secondo una revisione dei dati di The Post. I membri del Consiglio hanno anche introdotto 108 risoluzioni non vincolanti, come mostrano i registri.

In confronto, 595 progetti di legge sono stati presentati durante i primi tre mesi di supervisione del Consiglio di Corey Johnson nel 2018. Il suo predecessore, Melissa Mark Viverito, ha visto 174 progetti di legge presentati durante i suoi primi tre mesi.

Read:  I genitori del modello "Butt Squad" di Dubai sono bloccati in Ucraina

I membri di base affermano che i ritardi sono stati causati da un programma per computer glitch chiamato Sharepoint – utilizzato per tenere traccia dello stato della legislazione – che è complicato da usare e spesso si rompe. Ci sono state anche carenze di personale.

“Quando ho presentato la legislazione, ho dovuto utilizzare un altro modulo perché il solito sistema di presentazione della legislazione non funzionava”, ha detto frustrato un membro dello staff del municipio, che ha affermato che il Consiglio deve ancora spiegare quale fosse il problema.

“La mia comprensione è che il processo è stato arretrato a causa della carenza di personale e di alcuni problemi tecnologici”, ha affermato Vickie Paladino, consigliera del Queens GOP.

L'ex presidente del consiglio comunale Melissa Mark-Viverito
I membri del consiglio hanno visto un successo leggermente più precoce nell’introduzione di progetti di legge sotto la guida dell’ex presidente del consiglio comunale Melissa Mark-Viverito.
Stefan Jeremiah per il NY Post

“I miei elettori hanno chiesto risposte su quanto tempo ci sarebbe voluto per presentare le mie fatture e io e il mio staff abbiamo dovuto spiegare che potrebbero volerci dai 60 ai 90 giorni”, ha aggiunto. “La mia preoccupazione è che ho la responsabilità nei confronti dei miei elettori e della mia comunità di produrre una legislazione in modo tempestivo”.

Read:  Studente della Carolina del Sud arrestato per aver ucciso un altro studente della Tanglewood Middle School

Paladino ha detto che alcuni dei suoi conti erano sensibili al tempo, rendendo il ritardo particolarmente preoccupante. Tra le sue idee ci sono proposte per regolamentare l’uso dei poteri di emergenza e un’altra per garantire al Consiglio la supervisione dei mandati di maschere per i bambini.

Anche i democratici si sono lamentati.

l'ex presidente del consiglio comunale Corey Johnson
595 progetti di legge sono stati presentati durante i primi tre mesi di supervisione del Consiglio di Corey Johnson nel 2018.
Lev Radin/Pacific Press/LightRocket tramite Getty Images

“È stato un inizio lento. La comunicazione non è stata buona come quella dei precedenti oratori”, ha lamentato un alto funzionario democratico. “Le persone nel Consiglio non hanno esperienza. Alcune persone sono nuove. Non hanno mai avuto un lavoro come capo di stato maggiore”.

Read:  James Sauer e Stewart Dietrick sono morti in un incidente in elicottero a New York

Circa i quattro quinti del Consiglio sono membri matricole.

Il membro dello staff ha aggiunto che la partenza di Jason Goldman dalla carica di potente capo di stato maggiore del corpo alla fine di febbraio ha lasciato un vuoto.

Il successore di Goldman, Jeremy John, è un ex direttore dell’azione politica alla DC37, un potente sindacato che ha sostenuto l’offerta di Adams’ Speaker. È stato anche il responsabile della campagna per la campagna 2014 del controllore statale Tom DiNapoli.

Né John né Goldman avevano esperienza nel governo della città prima delle rispettive nomine.

“Penso che Jeremy sia stato solo lento a prendere il controllo delle cose, e c’è sicuramente un risultato da questo”, ha detto un poliziotto cittadino.

John e l’ufficio dell’altoparlante del consiglio comunale non hanno commentato.