Boris Johnson è stato multato per feste segrete legate al COVID-19

Boris Johnson è stato multato per feste segrete legate al COVID-19

Boris Johnson è stato multato per feste segrete legate al COVID-19

Il primo ministro britannico Boris Johnson è stato multato dalla polizia per feste segrete alimentate da alcolici mentre il suo governo ha costretto il resto del paese a un severo blocco, ha annunciato martedì il suo ufficio.

Al leader 57enne è stato detto martedì che era tra i 50 multati per lo scandalo “Partygate”, incluso almeno un altro membro anziano del suo gabinetto, ha confermato il ministro delle finanze Rishi Sunak.

“Il primo ministro e il Cancelliere dello Scacchiere hanno ricevuto oggi la notifica che la polizia metropolitana intende emettere loro avvisi di penalità fissa”, ha affermato un portavoce del governo.

“Non abbiamo ulteriori dettagli, ma ti aggiorneremo di nuovo quando lo faremo.”

Read:  La studentessa Brittany Kinlow è stata trovata morta con una ferita da arma da fuoco alla testa una settimana prima del diploma

Altri soggetti a multe includevano la moglie di Johnson, Carrie Johnson, secondo il Telegraph.

La polizia aveva indagato su 12 feste alimentate da alcol a Downing Street e al Cabinet Office nel 2020, alcune delle quali il leader britannico è stato fotografato mentre si divertiva.

Mentre il personale di gabinetto festeggiava, al resto del paese è stato impedito di incontrare le famiglie – alcuni si sono persino trattenuti dal dire addio ai propri cari ai funerali – mentre migliaia di persone sono state multate fino a $ 13.200 per aver infranto le controverse regole restrittive.

Diverse persone hanno chiesto le dimissioni di Boris Johnson mentre altri hanno espresso il desiderio di un voto di sfiducia.
Diverse persone hanno chiesto le dimissioni di Boris Johnson mentre altri hanno espresso il desiderio di un voto di sfiducia.
Foto di AP/Matt Dunham

Non era chiaro quanto Johnson e Sunak fossero stati multati.

Ma l’annuncio di martedì ha immediatamente suscitato nuove richieste di dimissioni.

Read:  La guardia di sicurezza di Malibu è stata trovata morta al mercato di Trancas

“Boris Johnson e Rishi Sunak hanno infranto la legge e hanno mentito ripetutamente al pubblico britannico”, ha affermato il leader dell’opposizione Keir Starmer ha twittato.

Anche Rishi Sunak, il Cancelliere dello Scacchiere britannico, dovrà affrontare multe per quanto riguarda la festa segreta del COVID-19.
Anche Rishi Sunak, il cancelliere dello scacchiere britannico, dovrà affrontare multe per quanto riguarda la festa segreta del COVID-19.
AP Photo/Alastair Grant, file
La polizia aveva indagato su 12 feste alimentate da alcol a Downing Street e al Cabinet Office nel 2020.
La polizia aveva indagato su 12 feste alimentate da alcol a Downing Street e al Cabinet Office nel 2020.
Foto di AP/Kirsty Wigglesworth

“Devono entrambi dimettersi”, ha detto, definendo il loro partito conservatore “totalmente inadatto a governare”.

Lo ha twittato anche Nicola Sturgeon, il primo ministro scozzese “Boris Johnson deve dimettersi”.

“Ha infranto la legge e ha mentito ripetutamente al parlamento al riguardo. I valori fondamentali di integrità e decenza – essenziali per il corretto funzionamento di qualsiasi democrazia parlamentare – esigono che se ne vada. E dovrebbe portare con sé il suo cancelliere che non ha contatti”, ha twittato.

Altri membri del Parlamento hanno chiesto a voto di sfiducia alla guida di Johnson.

Read:  Carri armati russi distrutti in un'imboscata, l'Ucraina saluta la vittoria chiave

Un gruppo di sostegno chiamato COVID-19 Bereaved Families for Justice ha insistito che esiste “semplicemente in nessun modo” Johnson può rimanere al potere.

“Dopo tutto è ancora incredibilmente doloroso che Boris Johnson stesse festeggiando e infrangesse le sue stesse regole di blocco, mentre non siamo stati in grado di essere al fianco dei nostri cari nei loro momenti di morte o in miserabili funerali con solo una manciata di persone. Stavamo seguendo le regole”, ha twittato il gruppo.

Hanno detto che era “vergognoso” che Johnson e i suoi colleghi “hanno mentito al riguardo e avrebbero continuato a farlo se la polizia non fosse intervenuta”.

“Se avessero avuto un po’ di decenza, sarebbero andati via stanotte”, ha detto il gruppo.