Donald Trump la fa franca, riprende il controllo del suo campo da golf del Bronx di proprietà della città

Donald Trump la fa franca, riprende il controllo del suo campo da golf del Bronx di proprietà della città

Donald Trump la fa franca, riprende il controllo del suo campo da golf del Bronx di proprietà della città

Til giudice della Corte Suprema di Manhattan Debora James ha dato istruzioni alla Trump Organization di continuare il funzionamento del suo campo da golf di New York Trump Links a Ferry Point dopo il suo stallo dopo l’associazione dell’ex presidente con l’assedio del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

L’intenzione del tribunale di New York di annullare il contratto per il campo da golf nel Bronx è stata ora respinta.

Una lettera al Organizzazione Trump dal tribunale di New York City ha affermato che il marchio Trump è “sinonimo di un’insurrezione contro il governo federale” e che ha anche rovinato la qualifica di Ferry Point per svolgere “eventi di qualità da torneo professionale” sul campo.

Read:  Sparatoria SXSW: quattro persone ferite nel South by Southwest Festival di Austin

L’ex presidente repubblicano Donald Trump è un appassionato giocatore di golf

A sua volta, il giudice della Corte Suprema Debra James si è pronunciato a favore della Trump Organization e ha commentato: “che non vi è ambiguità nell’obbligo nell’accordo secondo cui il firmatario è tenuto a” gestire un campo da golf giornaliero di prima classe e di qualità da torneo”. Ha anche aggiunto che “se letto nel contesto dell’accordo nel suo insieme, non è suscettibile di interpretazioni multiple”.

Eric Trump lancia colpi al sindaco di New York Bill de Blassio

A giugno, la Trump Organization ha intentato una causa contro la città, affermando che c’era un violazione delle clausole del contratto che ha affermato che la società di proprietà dell’ex presidente potrebbe occuparsi del suo funzionamento per 20 anni.

Chiunque sia titolare di una concessione comunale è tenuto a standard elevati. Siamo delusi dalla decisione della Corte

Il portavoce di New York City

La città ha riferito che “La città ha tentato di sostenere che il nome Trump e, per associazione, il campo da golf, è stato offuscato a causa del tentativo di insurrezione del 6 gennaio 2021 e non sarebbe stato in grado di trarre profitto o di organizzare tornei – quale città sostenevano gli avvocati era un requisito della Trump Organization Contratto di 20 anni con l’Assessorato ai Parchi della città”.

Read:  Carenza di formule per bambini: quali sono le migliori alternative sicure?

Un portavoce del dipartimento legale di New York City ha menzionato in una dichiarazione che “Chiunque abbia una concessione cittadina è tenuto a uno standard elevato. Siamo delusi dalla decisione della Corte”.