GOP AG fa causa per impedire a Biden di porre fine al titolo 42

GOP AG fa causa per impedire a Biden di porre fine al titolo 42

GOP AG fa causa per impedire a Biden di porre fine al titolo 42

Con poco più di cinque settimane rimaste prima che l’amministrazione Biden pianifichi di revocare l’autorità sanitaria del Titolo 42 dell’era Trump al confine meridionale, 18 procuratori generali repubblicani si sono uniti a una causa che cerca di costringere la Casa Bianca a mantenere l’ordine in vigore.

La causa, presentata per la prima volta dai procuratori generali repubblicani di Arizona, Louisiana e Missouri all’inizio di questo mese, accusa che le “disastrose politiche di confine” dell’amministrazione porterebbero a “caos e catastrofe assoluti” se il titolo 42 fosse revocato.

Questa settimana, alla causa si sono uniti i massimi funzionari delle forze dell’ordine di altri 18 stati: Alabama, Alaska, Arkansas, Florida, Georgia, Idaho, Kansas, Kentucky, Mississippi, Montana, Nebraska, Ohio, Oklahoma, South Carolina, Tennessee, Utah , Virginia Occidentale e Wyoming.

Read:  'Frankenstein' COVID-19 sottovariante Omicron XE rilevata nel Regno Unito

Il governatore repubblicano dell’Alaska Mike Dunleavy ha appoggiato la decisione di unirsi alla causa giovedì, dicendo: “L’ordine di cessazione è dannoso per gli stati incaricati di far rispettare gli standard di immigrazione e non è logicamente appropriato”.

Presidente Joe Biden
Il presidente Biden metterà fine all’autorità sanitaria del Titolo 42 al confine meridionale.
Agenzia Anadolu tramite Getty Images
Migranti
Il titolo 42 consente ai funzionari di frontiera di respingere i migranti senza prima aver ascoltato le loro richieste di asilo a causa della pandemia di COVID-19.
tramite REUTERS

“Questa politica è contraria alle altre dichiarazioni dell’amministrazione Biden perché si basa espressamente sulla diminuzione del COVID-19, ma l’amministrazione ha ignorato questi fatti imponendo la vaccinazione obbligatoria e i mandati delle maschere”, ha aggiunto Dunleavy.

Nella sua dichiarazione di sostegno all’adesione alla causa, il governatore repubblicano del Wyoming Mike Gordon ha accusato l’amministrazione di non aver “adempiuto al suo dovere costituzionale” nel proteggere il confine.

“Quando il governo federale non adempie alle proprie responsabilità, gli stati sono obbligati a intraprendere un’azione legale per proteggere i propri residenti dall’impatto di questa crisi di confine”, ha affermato Gordon. “Il Wyoming sarà al fianco dei nostri compagni stati per proteggere i nostri confini”.

Read:  Il poliziotto che si masturba "si è interessato" alla giovane donna durante la risposta: avvocati

Secondo gli stati, la sospensione in attesa del titolo 42 è illegale perché viola i “requisiti di avviso e commento” che fanno parte della legge federale sulla procedura amministrativa. Affermano inoltre che la mossa è “arbitraria e capricciosa” perché non tiene conto di come la fine del titolo 42 influenzerà gli stati.

Tra i tanti imputati sono elencati i Centers for Disease Control and Prevention, il Dipartimento di giustizia, il Dipartimento per la sicurezza interna, il Dipartimento della salute e dei servizi umani, la pattuglia di frontiera, il procuratore generale Merrick Garland e il presidente Biden.

Read:  Il New Jersey inizierà le vendite di marijuana ricreativa il 21 aprile

Il 1 aprile, il CDC ha rivelato che sarebbe stato esonerato l’ordine che ha consentito ai funzionari di frontiera di espellere i migranti che tentavano di entrare negli Stati Uniti senza prima aver ascoltato le loro richieste di asilo a causa della pandemia di COVID-19 in corso.

L’ordine è in vigore da marzo 2020 ed è stato utilizzato per espellere oltre 1,7 milioni di migranti.

Migranti
Diciotto stati hanno aderito a una causa nel tentativo di impedire all’amministrazione Biden di porre fine al titolo 42.
AFP tramite Getty Images
migranti
I legislatori negli stati di confine avvertono che la revoca del titolo 42 porterà a un’ondata di migranti che tenteranno di entrare nel paese.
AFP tramite Getty Images

I legislatori bipartisan, i funzionari dello stato di confine e la protezione delle dogane e delle frontiere statunitensi hanno avvertito che la revoca del titolo 42 comporterà probabilmente un afflusso massiccio di migranti che tenteranno di attraversare il confine meridionale.

Alcuni rapporti hanno stimato che fino a 170.000 potrebbero tentare di attraversare questa primavera, storicamente l’ora di punta per tali tentativi.