I colloqui sul nucleare iraniano hanno messo in pausa la richiesta di sanzioni del Cremlino all’Ucraina

I colloqui sul nucleare iraniano hanno messo in pausa la richiesta di sanzioni del Cremlino all'Ucraina

I colloqui sul nucleare iraniano hanno messo in pausa la richiesta di sanzioni del Cremlino all’Ucraina

I negoziati sul potenziale ritorno dell’America all’accordo nucleare iraniano del 2015 si sono interrotti senza un accordo venerdì dopo che le nuove richieste russe hanno confuso i colloqui.

Josep Borrell, capo della politica estera dell’Unione europea, twittato che l’arresto delle trattative tenutesi a Vienna, in Austria, era dovuto a “fattori esterni” e ha aggiunto che il testo di un possibile accordo era “sostanzialmente pronto e sul tavolo”.

L’allora presidente Donald Trump ha rimosso gli Stati Uniti dall’accordo delle sette nazioni nel 2018, scegliendo di imporre severe sanzioni all’Iran. Negli ultimi anni, Teheran ha drammaticamente intensificato le sue attività di arricchimento dell’uranio, lasciando i funzionari occidentali preoccupati per il fatto che mancano settimane per possedere abbastanza materiale arricchito per un’arma nucleare.

Read:  Biden ha "mentito al popolo americano" sulle email di Hunter

L’invasione russa dell’Ucraina ha ostacolato gli sforzi per ottenere un accordo sul traguardo, poiché la scorsa settimana Mosca ha chiesto garanzie a Washington che le nuove sanzioni occidentali non impediscano alla Russia di commerciare con l’Iran.

“Abbiamo chiesto ai nostri omologhi americani, che qui governano il posatoio, di fornirci garanzie almeno a livello di segretario di Stato [that] l’attuale processo avviato dagli Stati Uniti non pregiudicherà in alcun modo il nostro diritto a una cooperazione commerciale, economica, di investimento, militare e tecnica libera e a tutti gli effetti con l’Iran”, ha affermato il 5 marzo il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov
Secondo quanto riferito, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha sollevato preoccupazioni sulla capacità della Russia di commerciare con l’Iran.
Agenzia fotografica Kommersant/Shutterstock

L’amministrazione Biden, nonostante abbia promesso di trasformare la Russia in un “paria” per il suo brutale attacco all’Ucraina, ha continuato a collaborare con il Cremlino per perseguire la resurrezione dell’accordo con l’Iran.

Read:  Il video mostra papà che protegge il figlio dalla carica del toro al rodeo del Texas

Durante un’intervista su “Face the Nation” della CBS domenica scorsa, il segretario di Stato Antony Blinken ha definito “irrilevanti” le richieste di Lavrov e ha affermato che le sanzioni relative all’Ucraina “non hanno nulla a che fare con l’accordo nucleare iraniano”.

Il Regno Unito, la Francia e la Germania, che sono tutte parti nei colloqui, hanno avvertito martedì che “la finestra di opportunità si sta chiudendo”, in una dichiarazione che esorta la Russia a “non aggiungere richieste estranee” alla sua posizione.

Giovedì, anche l’Iran è andato avanti, con il leader supremo Ali Khamenei che chiedeva agli Stati Uniti di abbandonare le sue “proposte irragionevoli” in un segnale che Teheran stava scavando. Khamenei ha aggiunto che il suo paese non avrebbe perso il suo “potere difensivo, presenza regionale, [or] progresso nucleare”.

Read:  'Lo sto facendo per i miei figli'

Il principale negoziatore russo a Vienna, Mikhail Ulyanov, ha dichiarato venerdì che non era chiaro per quanto tempo sarebbe durata la pausa e ha affermato che non c’era “nessuna situazione di stallo”, secondo il Wall Street Journal.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken
Il segretario di Stato Antony Blinken ha chiamato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, dicendo che l’accordo nucleare iraniano non ha nulla a che fare con le sanzioni legate all’Ucraina alla Russia.
Manuel Balce Ceneta/Piscina via REUTERS
Il leader supremo iraniano Ali Khamenei
Il leader supremo iraniano Ali Khamenei ha dichiarato giovedì che il suo paese non perderà il suo “potere difensivo, presenza regionale, [or] progresso nucleare”.
AGENZIA DI STAMPA WANA/REUTERS

“L’unica cosa che voglio dirti… la conclusione dell’accordo non dipende solo dalla Russia”, ha aggiunto.

Prima dell’interruzione dei colloqui, c’era disaccordo a Vienna sulle sanzioni terroristiche statunitensi contro l’Iran.

I diplomatici europei hanno detto al New York Times che l’Iran voleva che Washington revocasse almeno una delle designazioni di sanzioni imposte al Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane, in vigore dal 2019.

Secondo il Wall Street Journal, anche se le sanzioni dell’IRGC permangono, qualsiasi accordo porterebbe Washington a revocare dozzine di sanzioni contro il terrorismo assegnate ad altri individui e gruppi.