I manifestanti assaltano il telegiornale russo in diretta urlando “ferma la guerra!”

I manifestanti assaltano il telegiornale russo in diretta urlando "ferma la guerra!"

I manifestanti assaltano il telegiornale russo in diretta urlando “ferma la guerra!”

Un dipendente della TV russa ha preso d’assalto lo studio della sua rete durante la sua trasmissione serale in diretta lunedì per avvertire i cittadini che sono stati mentiti sull’invasione in Ucraina.

La donna irruppe nell’inquadratura con in mano un cartello con su scritto “Fermate la guerra. Non credere alla propaganda. Ti stanno mentendo”, in un misto di inglese e russo mentre la conduttrice di Channel One Ekaterina Andreeva stava leggendo le notizie, secondo The Express.

Un manifestante contro la guerra ha fatto irruzione in un telegiornale in diretta in Russia per dire ai cittadini che gli viene mentito sull'invasione dell'Ucraina.
Un manifestante contro la guerra ha fatto irruzione in un telegiornale in diretta in Russia per dire ai cittadini che gli viene mentito sull’invasione dell’Ucraina.
Twitter/@maxseddon

Ha cantato: “Ferma la guerra! No alla guerra!” mentre Andreeva ha cercato di superare il suo segmento prima che i produttori rimescolanti passassero dallo studio a un videoclip, è stato mostrato il filmato dell’interruzione.

Read:  La Russia pianifica un “attacco terroristico” sotto falsa bandiera a Chernobyl: Ucraina

La donna è stata identificata dal gruppo russo per i diritti umani OVD-Info come Marina Ovsyannikova, una dipendente della rete che era stanca di fornire disinformazione ai suoi concittadini russi.

Ha registrato un video prima della sua protesta in cui ha affermato di “vergognarsi profondamente” di aver fatto parte della “propaganda del Cremlino”, ha affermato il gruppo per i diritti umani. Ovsyannikova ha invitato i russi a protestare contro la guerra, dicendo: “Solo noi abbiamo il potere di fermare tutta questa follia”, ha detto OVD-Info.

Read:  2024 corsa 'sul tavolo'

Dopo essere apparsa nella trasmissione in diretta, Ovsyannikova è stata arrestata dalle autorità, ha detto l’agenzia. Il gruppo ha detto che i suoi avvocati l’avrebbero rappresentata.

Channel One si trova presso l’Ostankino Technical Center di Mosca ed è il più grande canale mediatico russo con circa 250 milioni di telespettatori in tutto il mondo, secondo quanto riportato da Express.

Gli agenti di polizia a Mosca si sono riuniti sulla scena delle proteste contro la guerra il 6 marzo 2022.
Gli agenti di polizia a Mosca si sono riuniti sulla scena delle proteste contro la guerra il 6 marzo 2022.
Foto di ANTON KARLINER/SIPA/Sipa USA
Ufficiali di polizia russi che hanno arrestato un manifestante contro la guerra in piazza Manezhnaya a Mosca il 13 marzo 2022.
Ufficiali di polizia russi che hanno arrestato un manifestante contro la guerra in piazza Manezhnaya a Mosca il 13 marzo 2022.
Foto di -/AFP tramite Getty Images

Non era chiaro chi fosse la donna o se ci fossero conseguenze per la sua protesta. L’incidente è avvenuto durante una massiccia repressione russa nei confronti dei media che pubblicano storie che si discostano dalla narrativa della guerra in Ucraina del presidente Vladimir Putin.

Read:  Il consigliere per la sicurezza nazionale di Kamala Harris si dimette

In base a una legge approvata dal parlamento russo all’inizio di questo mese, i giornalisti che classificano l’invasione dell’Ucraina come una “guerra” o riferiscono sulle battute d’arresto militari del Cremlino e sulla morte di civili dovrebbero affrontare tre anni di prigione. La punizione potrebbe salire a 15 anni dietro le sbarre per casi che portano a “gravi conseguenze”, hanno detto i funzionari russi.


Ricevi le ultime novità aggiornamenti nel conflitto Russia-Ucraina con la copertura in diretta di The Post.


Il disegno di legge sulla censura “costringerà coloro che hanno mentito e fatto dichiarazioni che screditano le nostre forze armate a sopportare una punizione molto grave”, ha affermato all’epoca Vyacheslav Volodin, presidente della camera bassa del parlamento.

Gli ultimi eventi dell'invasione russa dell'Ucraina il 14 marzo 2022.
Gli ultimi eventi dell’invasione russa dell’Ucraina il 14 marzo 2022.

I giornalisti devono anche verificare i loro rapporti sulla guerra con fonti ufficiali del governo russo.

In risposta alla legge sulle “notizie false”, reti come CBS News, ABC News, CNN, Bloomberg, BBC e CBC hanno annunciato che avrebbero ritirato i loro giornalisti dalla Russia.

La Russia ha anche istituito una severa repressione del dissenso e delle proteste di piazza contro la guerra, e migliaia di persone sono state arrestate.