I motivi per cui Bale, Hazard, Jovic e Mariano non giocano

I motivi per cui Bale, Hazard, Jovic e Mariano non giocano

I motivi per cui Bale, Hazard, Jovic e Mariano non giocano

RLa clamorosa sconfitta dell’eal Madrid al Clasico del fine settimana ha acceso un’altra luce sulla sorprendente situazione di quattro membri del Carlo Ancelottila rosa di quest’ultima che sembra non rientrare più nei suoi piani, ovvero: Gareth Bale, Eden Hazard, Luka Jovic e Mariano Diaz.

Da quando è tornato al club l’estate scorsa, l’allenatore italiano ha cercato di dare a ogni giocatore una nuova partenza e carta bianca per affermare le proprie ragioni. Questi quattro, tuttavia, sembrano aver esaurito il tempo e le possibilità, guardando più ai margini che mai.

Bale: Madrid non è la sua priorità

Ancelotti ci ha provato con il gallese e all’inizio della stagione sembrava che potesse essere sulla buona strada per il riscatto e una nuova prospettiva di vita come membro attivo della rosa dei Blancos, ma l’entusiasmo è stato di breve durata.

Dopo il suo primo infortunio stagionale, sembrava che Bale avesse deciso di nascondersi in palestra e assicurarsi di essere pronto per ogni pausa internazionale, non perdendo quasi una partita con il Galles ma giocando a malapena per il suo club. Presumibilmente, dopo un viaggio in Galles, è tornato e ha presentato al Real Madrid una fattura medica di 30.000 che aveva ricevuto durante la sua assenza.

Read:  Scena surreale nell'NBA: la fan cerca di incollarsi al pavimento per protesta

Bale è stato sempre più assente dalla vita a Real Madrid e apparentemente indifferente al riguardo. Ha giocato solo due volte da agosto e, dopo essersi ritirato dai convocati la mattina della partita, non è nemmeno andato allo stadio a vedere i suoi compagni di squadra contro Barcellona.

Il suo contratto è scaduto quest’estate e sembra che non ci sarà un lieto fine per questa storia. Cosa riserva il futuro a Bale non è chiaro, soprattutto dopo che il suo periodo di prestito agli Spurs l’anno scorso non è andato particolarmente bene, con José Mourinho sconvolto dal suo approccio alla formazione.

Pericolo: buona attitudine ma non vicino a Vini, Rodrygo, Asensio…

L’esterno belga è molto apprezzato all’interno del club e non è un segreto che abbia cercato disperatamente di mettersi alla prova. Non gli è mancato lo sforzo, ma la dolorosa verità nel suo caso è che semplicemente non è stato al livello degli altri giocatori che lo precedevano di pochi minuti.

Read:  I Suns hanno lottato ma hanno risolto con una sconfitta di 30 punti contro i Mavs

Ancelotti è un grande fan dell’atteggiamento di Hazard, ma non tanto delle sue condizioni fisiche. Gli infortuni lo hanno afflitto negli ultimi anni e sembra che abbia tolto una dimensione al suo gioco; non è il giocatore che era al Chelsea e ha poco da offrire alla squadra rispetto alle alternative, soprattutto vista la verticalità e il dinamismo che piacciono ad Ancelotti dai suoi larghi.

Jovic: Il Real è stufo

Zinedine Zidane Ha rinunciato a Jovic e sembra che ora abbia fatto lo stesso Ancelotti. Il serbo, oltre a non riuscire quando gli vengono date delle occasioni, si allena male e nemmeno i suoi compagni di squadra ne sono colpiti.

Jovic ha chiesto di andarsene a gennaio dell’anno scorso ed è andato a Eintracht Francoforte in prestito, dove ha iniziato bene, ma ha concluso la stagione con appena quattro gol in 18 partite di Bundesliga.

Read:  Playoff NBA: Chris Paul subentra nei momenti critici per guidare i Suns oltre i Pelicans in Gara 1

Il suo atteggiamento povero ha fatto sì che anche quando si presentano opportunità, come Karim BenzemaL’assenza dal Clasico, Ancelotti ora guarda altrove. Sembrerebbe che i suoi giorni a Madrid siano contati, se qualcuno lo prenderà, che era il problema la scorsa estate.

Mariano: Non al livello di Madrid

Mariano Diaz è stato preferito a Jovic contro il Barcellona, ​​uscito dalla panchina mentre il serbo era rimasto lì, ma anche così è un’ultima risorsa, che parla più della situazione di Jovic quanto della sua.

I successivi allenatori del Real Madrid hanno ceduto Mariano, indifferente, ma il giocatore non vuole andarsene, frustrando il board che ogni anno cerca di convincerlo.

Si rifiutò Rayo Vallecano, anche se il suo stipendio sarebbe stato più alto, preferendo provare a lottare per il suo posto. Ha avuto quasi tanti infortuni quante sono le partite giocate in questa stagione, ma quando è disponibile si allena bene e il suo atteggiamento non può essere criticato, semplicemente non è al livello di cui ha bisogno il Real Madrid.