Il confine con gli Stati Uniti vede una ressa di migranti dal Perù

Il confine con gli Stati Uniti vede una ressa di migranti dal Perù

Il confine con gli Stati Uniti vede una ressa di migranti dal Perù

L’instabilità politica in Perù sta spingendo i migranti dal paese ad affluire al confine meridionale degli Stati Uniti, aggiungendo alla situazione già caotica lì mentre incombe la fine del Titolo 42, ha appreso The Post.

Secondo i dati ottenuti da The Post, nei primi sei mesi di quest’anno, 8.262 peruviani – che raramente si vedono mentre tentano di entrare illegalmente negli Stati Uniti – sono stati arrestati al valico meridionale.

Sono più del doppio dei peruviani arrivati ​​al confine nel 2021, quando 3.197 immigrati provenienti da quel paese sono stati intercettati da agenti federali.

Storicamente, il numero di peruviani che arrivano al confine è stato ancora più basso. La maggior parte degli immigrati che entrano illegalmente nel paese provengono dal Messico, dal Guatemala o dall’Honduras.

Read:  La nuova versione di COVID shot aumenta la protezione di Omicron

Il Perù sta affrontando l’instabilità politica, la corruzione diffusa, l’inflazione più alta dal 1998 e le proteste che potrebbero portare l’immigrazione illegale negli Stati Uniti, afferma l’attivista peruviano Andres Urbano.

Grafico che mostra gli immigrati peruviani
Gli immigrati peruviani al confine meridionale sono aumentati notevolmente nel 2022.
Illustrazione della posta di New York
Alison, una migrante peruviana di un anno, è trattenuta da sua madre Selma mentre percorrono un sentiero nell'oscurità dopo aver attraversato il fiume Rio Grande negli Stati Uniti.
Alison, una migrante peruviana di un anno, è trattenuta da sua madre Selma mentre percorrono un sentiero nell’oscurità dopo aver attraversato il fiume Rio Grande negli Stati Uniti.
Adrees Latif/REUTERS

“Nessuno sa se il Perù sarà il prossimo Venezuela o Cuba”, ha detto Urbano a The Post martedì. “C’è un alto livello di sfiducia nei confronti del governo, e genitori e giovani allo stesso modo vedono un’incertezza su ciò che riserva il loro futuro in Perù”.

Il presidente del Perù è stato quasi messo sotto accusa durante il fine settimana dopo aver quasi mancato la scadenza fissata dal Congresso per tornare nel paese dall’Ecuador, ha riferito MSN.com. Il Congresso ha già votato per la rimozione del presidente Pedro Castillo due volte nei nove mesi in cui è stato in carica.

Read:  Tre criminali identificati nel rapimento del bambino Brandon Cuellar

“Puoi essere aggredito e derubato per strada, incluso perdere la vita per un cellulare che qualcuno vuole rubarti. La criminalità è in aumento e la polizia non ha il controllo su di essa”, ha spiegato Urbano. “I sicari e la criminalità organizzata sono sempre più diffusi. I criminali possono comprare la loro libertà anche se vengono arrestati.

I migranti provenienti dal Perù e dal Guatemala in cerca di asilo negli Stati Uniti si consegnano all'agente di pattuglia di frontiera statunitense.
I migranti dal Perù e dal Guatemala si consegnano agli agenti di pattuglia di frontiera degli Stati Uniti mentre chiedono asilo.
Vai Nakamura/REUTERS

“Il Perù sta precipitando nell’anarchia. A prima vista, il paese ha un governo costituzionale, ma in realtà è anarchia. Nessuno sa come andrà a finire”.

Inoltre, il paese ha assistito a violente proteste contro l’attività mineraria, una parte importante dell’economia del Perù, tra i lavoratori indigeni e il personale delle miniere, aggiungendo più carburante a una situazione già instabile, secondo Bloomberg.

Read:  Il Texas istruirà lo stato messicano sull'uso del filo spinato

I peruviani stanno arrivando in un momento in cui i livelli di immigrazione al confine meridionale degli Stati Uniti sono a livelli record. Il governo prevede che fino a 18.000 immigrati privi di documenti al giorno potrebbero arrivare al confine quando il titolo 42 verrà revocato.

Urbano, parte di un’associazione latino-americana a San Antonio, in Texas, che lavora con gli immigrati peruviani, non crede che l’immigrazione dal Perù cesserà presto.

“I peruviani hanno paura che le porte si chiudano e non potranno lasciare il paese se le cose si mettono davvero male”, ha detto. “Hanno deciso che questo è il loro colpo migliore e la paura di attraversare il deserto o altri pericoli derivanti dall’attraversamento illegale non li fermerà”.