Il Cremlino denuncia Biden dicendo che Putin “non può rimanere al potere”

Il Cremlino denuncia Biden dicendo che Putin "non può rimanere al potere"

Il Cremlino denuncia Biden dicendo che Putin “non può rimanere al potere”

​Il Cremlino ha affermato lunedì che l’osservazione del presidente Biden durante un discorso del fine settimana in Polonia secondo cui il presidente russo Vladimir Putin “non può rimanere al potere” era motivo di allarme.

“Questa è un’affermazione che è certamente allarmante”, ha detto il portavoce di Mosca Dmitry Peskov. “Terremo d’occhio le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, ne terremo conto e continueremo a farlo in futuro”.

Putin, che non ha parlato pubblicamente dei commenti di Biden, è stato mostrato lunedì dalla televisione di stato all’incontro con Alexander Sergeev, il presidente dell’Accademia delle scienze russa.

La risposta iniziale del Cremlino al discorso di sabato di Biden è stata quella di affermare che il destino di Putin dipende “dal popolo russo”.

Read:  Il Texas raggiunge un accordo con lo stato messicano di Chihuahua per ridurre le ispezioni alle frontiere

​”​Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere”, ha detto Biden alla fine del suo discorso di 27 minuti ​Sabato ​al Castello Reale di Varsavia.

L’osservazione inarcante ha fatto sì che i funzionari della Casa Bianca si affrettassero a rassicurare i giornalisti che il presidente non stava chiedendo un cambio di regime in Russia, nonostante Biden si riferisse a Putin come a un “macellaio” all’inizio di sabato mentre era in tournée in un centro profughi ucraino in Polonia.

Joe Biden.
“Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere”, ha detto il presidente Biden durante un discorso in Polonia.
Piotr Molecki/East News/Polaris
Vladimir Putin.
Il presidente russo Vladimir Putin non ha parlato pubblicamente dei commenti del presidente Biden.
Sergei Guneyev/Sputnik/AFP tramite Getty Images

Il segretario di Stato Antony Blinken ha continuato le operazioni di bonifica durante un incontro domenicale a Gerusalemme con il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid.

“Penso che il presidente, la Casa Bianca, ieri sera abbia sottolineato che, semplicemente, al presidente Putin non può essere conferito il potere di fare una guerra o impegnarsi in un’aggressione contro l’Ucraina o chiunque altro”, ha detto Blinken.​

Read:  Fox News fa sembrare Peter Doocy "stupido figlio di puttana": Jen Psaki

Il presidente ha anche risposto: “No”, quando i giornalisti hanno chiesto mentre lasciava la chiesa domenica se stesse incoraggiando il cambio di regime in Russia.

Antony Blinken.
Il segretario di Stato Antony Blinken ha tentato di controllare i danni per le osservazioni del presidente Biden, dicendo: “Il presidente Putin non può essere autorizzato a fare la guerra”.
Thierry Monasse/Getty Images
Joe Biden.
Il presidente Biden in seguito ha detto che non stava incoraggiando il cambio di regime in Russia.
Evan Vucci/AP

Ma i membri repubblicani del Congresso hanno definito le osservazioni una “orrenda gaffe” che alimenterebbe la macchina di propaganda di Mosca in difesa del brutale attacco di Putin all’Ucraina.

“In primo luogo, penso che tutti noi crediamo che il mondo sarebbe un posto migliore senza Vladimir Putin. Ma, in secondo luogo, questa non è la politica ufficiale degli Stati Uniti. E dicendo questo, quel cambio di regime alla fine è la nostra strategia, fa il gioco dei propagandisti russi e fa il gioco di Vladimir Putin”, ha detto il senatore Rob Portman (R-Ohio) su NBC News “Meet the Press .”

Read:  Joe Biden pensa che l'Ucraina possa vincere la guerra con la Russia?

Il senatore Jim Risch (R-Idaho), il repubblicano di grado nella commissione per le relazioni estere del Senato, ha elogiato la maggior parte del discorso di Biden a Varsavia, ma ha detto che non avrebbe dovuto improvvisare la linea sul leader russo.

“Ha tenuto un bel discorso alla fine, ma come hai già sottolineato, c’è stata un’orrenda gaffe alla fine”, ha detto Risch a Dana Bash su “State of the Union” della CNN.

Putin si riferisce all’invasione dell’Ucraina, iniziata il 24 febbraio, come a una “operazione militare speciale” e ha affermato che la Russia non aveva altra scelta che difendersi dall’aggressione occidentale e dalla persecuzione ucraina dei russofoni nel paese.

Con fili postali