Il dipendente della Florida Dunkin Corey Pujols che ha colpito a morte il cliente Vonelle Cook per insulti razzisti condannato agli arresti domiciliari

Il dipendente della Florida Dunkin Corey Pujols che ha colpito a morte il cliente Vonelle Cook per insulti razzisti condannato agli arresti domiciliari

Il dipendente della Florida Dunkin Corey Pujols che ha colpito a morte il cliente Vonelle Cook per insulti razzisti condannato agli arresti domiciliari

Un dipendente di Dunkin’ a Tampa, in Florida, accusato di aver preso a pugni a morte un cliente che ha usato un insulto razziale contro di lui l’anno scorso, è stato condannato a due anni di arresti domiciliari dopo essersi dichiarato colpevole di percosse.

Corey Pujols, 27 anni, è stato ordinato da un giudice di Tampa lunedì di completare 200 ore di servizio alla comunità e frequentare un corso di gestione della rabbia.

La polizia di Tampa ha detto che l’incidente è avvenuto intorno alle 13:30 del 4 maggio nella sede di Dunkin’ al 410 S. 50th Street.

Read:  Lo chef Mario Batali sotto processo a Boston per cattiva condotta sessuale

Secondo i documenti del tribunale, il cliente, Vonelle Cook, 77 anni, che era bianco, era passato attraverso il drive-thru per ordinare il caffè ed era arrabbiato per la mancanza di servizio. Durante il drive-thru, i dipendenti di Dunkin hanno avuto problemi a sentirlo e ha iniziato a urlare contro di loro per un servizio scadente.

I dipendenti hanno detto a Cook, un cliente abituale dello stabilimento, di andarsene, ma ha parcheggiato la macchina, è entrato ed è stato aggressivo e verbalmente offensivo nei confronti dei dipendenti, hanno detto i pubblici ministeri.

Pujols ha chiesto a un collega di chiamare la polizia, portando a una discussione tra lui e Cook, ha riferito FOX 13 Tampa Bay.

Quando Pujols, che è nero, ha chiesto a Cook di andarsene, la polizia ha detto che Cook lo ha definito un insulto razziale.

Read:  "No", gli americani non dovrebbero temere la guerra nucleare con la Russia, dice Biden
La polizia ha detto che Vonelle Cook (nella foto) ha definito Corey Pujols un insulto razziale durante un alterco in un Florida Dunkin'.
La polizia ha detto che Vonelle Cook (sopra) ha definito Corey Pujols un insulto razziale durante un alterco in un Florida Dunkin’.
Dipartimento delle forze dell’ordine della Florida

Pujols ha quindi fatto il giro del bancone e ha chiesto a Cook di non chiamarlo di nuovo con quell’insulto, ma quando Cook lo ha fatto, Pujols gli ha dato un pugno alla mascella, secondo la stazione.

Cook è caduto e ha sbattuto la testa sul pavimento. Fu portato in ospedale, dove morì tre giorni dopo.

L’autopsia ha mostrato che ha subito una frattura del cranio e contusioni cerebrali.

Pujols era stato inizialmente accusato di omicidio colposo in seguito all’incidente. I pubblici ministeri hanno accettato un patteggiamento da Pujols, che ha accettato di dichiararsi colpevole dell’accusa minore di batteria criminale, secondo FOX 13.

Read:  La supplente in Texas se n'è andata con la faccia insanguinata dopo che uno studente gli ha lanciato una sedia alla testa: video

Grayson Kamm, portavoce del procuratore dello stato di Hillsborough Andrew Warren, ha affermato che i pubblici ministeri, nella loro decisione, hanno considerato la “totalità delle circostanze”, che includeva la mancanza di precedenti penali di Pujols, la sua giovinezza e il fatto che non intendeva causare La morte di Cook, ha riportato il Tampa Bay Times.

“Due dei fattori principali erano l’approccio aggressivo che la vittima ha adottato nei confronti dell’imputato e di tutti coloro che lavoravano con l’imputato, e che la vittima ha usato ripetutamente il termine forse più aggressivo e offensivo nella lingua inglese”, ha detto Kamm.

Cook era un molestatore sessuale registrato, secondo i documenti del tribunale.