Il giudice della Corte Suprema Clarence Thomas è stato dimesso dall’ospedale

Il giudice della Corte Suprema Clarence Thomas è stato dimesso dall'ospedale

Il giudice della Corte Suprema Clarence Thomas è stato dimesso dall’ospedale

Il giudice della Corte Suprema Clarence Thomas è stato dimesso da un ospedale di Washington dopo una degenza di quasi una settimana a causa di un’infezione, ha annunciato venerdì l’alta corte.

Thomas, 73 anni, è stato ricoverato al Sibley Memorial Hospital la scorsa settimana dopo aver manifestato “sintomi simil-influenzali”, ha detto la corte domenica.

La dichiarazione della corte non descriveva il tipo di infezione di cui soffriva Thomas, ma osservava che non era correlata al COVID-19. Thomas è stato curato con antibiotici per via endovenosa in ospedale.

Read:  La Berkshire Hathaway di Warren Buffett riporta una perdita di 1,58 miliardi di dollari

È stato assente dal tribunale per tutta la settimana poiché la Corte Suprema ha ascoltato diversi casi e ha emesso pareri in due. In un caso, la corte si è pronunciata a favore di un detenuto nel braccio della morte del Texas che ha cercato di far “pregare” il suo pastore durante la sua esecuzione. Thomas era l’unico dissenziente in quel caso.

Thomas aveva pianificato di prendere parte alle cause nonostante non fosse in grado di partecipare alle discussioni orali, ha affermato la corte all’inizio di questa settimana.

Read:  COVID, l'influenza potrebbe aumentare durante le feste delle vacanze di primavera negli Stati Uniti
Sibley Memorial Hospital di Washington
Thomas è stato ricoverato al Sibley Memorial Hospital di Washington la scorsa settimana.
EPA/JIM LO SCALZO

Thomas presta servizio nell’alta corte dal 1991. La notizia del suo rilascio dall’ospedale arriva un giorno dopo che i rapporti indicavano che sua moglie, l’attivista conservatrice Virginia “Ginni” Thomas, aveva inviato una serie di messaggi all’allora capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows spingendo per il ribaltamento dei risultati delle elezioni presidenziali del 2020.