Il nuotatore del Kentucky che ha legato Lia Thomas sostiene le richieste per una “Divisione Trans” separata

Il nuotatore del Kentucky che ha legato Lia Thomas sostiene le richieste per una "Divisione Trans" separata

Il nuotatore del Kentucky che ha legato Lia Thomas sostiene le richieste per una “Divisione Trans” separata

Una nuotatrice del Kentucky che ha gareggiato contro la controversa atleta transgender Lia Thomas sta salutando la World Swimming Coaches Association per aver chiesto una “Divisione Trans” separata nelle competizioni.

Il nuotatore dell’Università del Kentucky Riley Gaines – che ha pareggiato Thomas al quinto posto nei campionati NCAA da 200 yarde stile libero – ha detto a Fox News che è stato “fantastico” che gruppi come la WSCA stessero cercando il cambiamento.

I nuotatori trans come Thomas hanno un vantaggio ingiusto in piscina perché “richiede cose come la tua potenza e la tua resistenza e la tua forza e resistenza, tutte queste cose in cui le donne sono in genere svantaggiate rispetto agli uomini”, ha detto Gaines a “America’s Newsroom”.

Read:  Il pastore che ha registrato la bocca dei bambini dice che gli studenti hanno maltrattato l'insegnante

“Fingere il contrario sfida la logica, la ragione, la scienza e il buon senso, francamente”, ha detto all’outlet, dicendo che c’era “solo la differenza tra giorno e notte tra maschio e femmina” in piscina.

“Penso che sia fantastico che abbiamo questi piccoli organi di governo disposti a uscire allo scoperto e fare queste dichiarazioni”, ha detto del gruppo degli allenatori.

Il nuotatore del Kentucky che ha legato Lia Thomas sostiene
Riley Gaines, nuotatore dell’Università del Kentucky, su Fox News.
Lia Thomas tiene un trofeo accanto a un altro nuotatore
La nuotatrice di Penn Quakers Lia Thomas detiene un trofeo dopo essere arrivata quinta nei 200 liberi ai campionati di nuoto e immersioni NCAA.
Brett Davis/USA OGGI Sport

Tuttavia, ha sottolineato che “la decisione spetta in definitiva a queste organizzazioni più grandi” come la NCAA, la FINA e il Comitato olimpico internazionale.

“Quanti piccoli organi di governo ci vorranno prima che queste organizzazioni più grandi ascoltino?” lei chiese.

La WSCA ha rilasciato la sua “Dichiarazione di posizione sul nuoto transgender” la scorsa settimana, affermando che l’opzione per una “Divisione Trans” dedicata aveva “ricevuto un sostegno schiacciante” dai suoi membri.

Read:  Sospetto di sparatorie mortali contro i senzatetto di Washington DC e New York arrestati

L’associazione ha sottolineato di avere un “programma inequivocabile” per garantire che “tutti siano trattati con dignità e rispetto”.

“Tuttavia, l’inclusione delle persone transgender nello sport femminile non può essere bilanciata con l’equità a causa delle differenze ritenute di forza, resistenza e fisico che sono presenti quando si confronta la donna media con la donna transgender media/persona non binaria a cui è stato assegnato un maschio a nascita”, ha affermato la dichiarazione del gruppo.

Il gruppo ha insistito sul fatto che la separazione non sarebbe stata una revisione drastica dato quante divisioni ci sono già.

Read:  I valichi di frontiera dei migranti statunitensi aumentano nonostante il titolo 42 rimanga
Lia Thomas rilascia un'intervista ai media dopo le manche preliminari del 500 Yard Freestyle durante il campionato di nuoto e immersioni femminile della divisione I della NCAA 2022.
Lia Thomas rilascia un’intervista ai media dopo le manche preliminari del 500 Yard Freestyle durante il campionato di nuoto e immersioni femminile della divisione I della NCAA 2022.
Foto di Mike Comer/NCAA tramite Getty Images

“Nella tipica squadra di club, gli atleti di fascia d’età, gli atleti d’élite, gli atleti olimpionici speciali e gli atleti paralimpici condividono tutti lo stesso pool di prove”, ha affermato il gruppo.

“Si allenano insieme ogni giorno per settimane, poi prendono strade separate per le loro competizioni.

“Potrebbe essere esattamente lo stesso per i nostri Trans Athletes. Il 99% dell’anno, ogni atleta si allena insieme. L’1% dell’anno, partecipano alle loro competizioni appropriate”, ha sottolineato la WSCA.

“Il ruolo storico di un allenatore è stato quello di espandere lo sport e creare le migliori opportunità competitive per i nostri atleti. La “situazione Trans” ci offre la stessa opportunità.

“Dobbiamo proteggere gli sport femminili, ma dobbiamo sforzarci di creare una concorrenza leale per tutti”, ha affermato.