Il senatore Johnson fa esplodere il NY Times per i rapporti sui laptop di Hunter Biden

Il senatore Johnson fa esplodere il NY Times per i rapporti sui laptop di Hunter Biden

Il senatore Johnson fa esplodere il NY Times per i rapporti sui laptop di Hunter Biden

Le persone dovrebbero essere “indignate” dal New York Times solo per aver confermato l’autenticità del laptop di Hunter Biden, ha detto domenica il senatore Ron Johnson, chiedendo scuse ai 51 ex esperti dell’intelligence statunitense che hanno messo in dubbio i rapporti del Post sul dispositivo .

“Sono semplicemente stupito che il New York Times proprio ora sia giunto alla conclusione che il laptop Hunter Biden fosse autentico”, ha detto Johnson, del Wisconsin, al conduttore John Catsimatidis alla tavola rotonda dei WABC 770 AM “The Cats Roundtable”.

“Dove sono stati? Era abbastanza ovvio in una o due settimane dagli articoli del New York Post”.

Il senatore si riferiva ai rapporti esclusivi di The Post nell’ottobre 2020 sugli affari esteri del primo figlio e sul suo legame con la società energetica ucraina Burisma mentre suo padre, Joe Biden, era vicepresidente.

“L’FBI doveva saperlo. Non ci hanno detto quando ci hanno offerto il laptop. Non potevo sopportarlo perché dovevo fare la mia due diligence. L’FBI lo sapeva”, ha detto Johnson nell’intervista andata in onda domenica.

«Abbiamo contattato l’FBI. Non ci avrebbero detto che era genuino. Dovrebbero avere. Ma non l’hanno fatto. La gente dovrebbe essere indignata”, ha detto.

Il laptop, lasciato da Hunter Biden in un’officina di riparazione di computer del Delaware, conteneva una miniera di e-mail che descrivevano in dettaglio i suoi rapporti d’affari in Ucraina e Cina, che coinvolgevano suo padre.

Read:  I nonni del Vescovo Evans, una guardia del Texas annegata, affermano che è morto da eroe

L’ex sindaco Rudy Giuliani, un avvocato dell’allora presidente Donald Trump, ha ottenuto il laptop e lo ha consegnato a The Post, che ne ha autenticato il contenuto intervistando il proprietario del negozio di computer e gli amici di Biden le cui e-mail sono state trovate sul disco rigido.

Ron Johnson.
«Abbiamo contattato l’FBI. Non ci avrebbero detto che era genuino. Avrebbero dovuto”, ha detto il senatore Ron Johnson.
Greg Nash/The Hill tramite AP

Hunter Biden sta affrontando una tentacolare indagine federale sulle sue dichiarazioni fiscali e sui suoi rapporti d’affari, ha riferito la scorsa settimana il New York Times.

Johnson ha invitato la Grey Lady a scusarsi, così come i 51 esperti dell’intelligence che hanno messo in dubbio il laptop come disinformazione russa in una lettera rilasciata pochi giorni dopo le esclusive bomba del Post.​

“Il New York Times sta finalmente, in silenzio, coprendo le sue tracce. … Dove sono tutte le altre scuse? Dove sono le scuse del 5[1] intelligence… agenti?» Johnson ha detto nello show di Catsimatidis.

“Quello che hanno detto in realtà è che il laptop aveva tutti i tratti distintivi della disinformazione russa. Non avevo assolutamente alcuna informazione, nessuna prova che si trattasse di disinformazione russa. … Quindi, tutti questi agenti dell’intelligence confermano … una storia falsa”, ha detto Johnson.

“Era evidente fin dall’inizio che il laptop Hunter Biden era autentico”, ha continuato. “Non avrebbero mai dovuto contaminare il processo con quella lettera, ma lo hanno fatto. Si scuseranno per questo? Non sto trattenendo il respiro”.

Read:  Un uomo della Florida fingendosi tassista stupra il passeggero: rapporto
Joe Biden e Hunter Biden.
Il laptop di Hunter Biden conteneva una miniera di e-mail che descrivevano in dettaglio i suoi rapporti d’affari in Ucraina e Cina, che coinvolgevano suo padre.
Immagine dal laptop di Hunter Biden

Johnson, il presidente della commissione per la sicurezza interna e gli affari governativi del Senato, ha indagato sul lavoro da 50.000 dollari al mese di Hunter Biden con Burisma e Ucraina.

Il rapporto, pubblicato nel dicembre 2020 dal panel di Johnson e dalla commissione per le finanze del Senato, affermava che l’amministrazione Obama ha ignorato “evidenti segnali di avvertimento” quando Hunter Biden è entrato a far parte del consiglio di Burisma.

Ha anche concluso che il lavoro del giovane Biden “era problematico e ha interferito nell’esecuzione efficiente della politica nei confronti dell’Ucraina”.

Da quando il Times ha riconosciuto l’esistenza del laptop, un numero crescente di repubblicani in tutto il paese chiede una nuova indagine sul figlio del presidente.

Il repubblicano del Wisconsin ha anche fatto esplodere i media, dicendo di aver ignorato la storia di Hunter Biden di The Post mentre giocava ad affermare che la campagna di Trump in collusione con la Russia ha avuto serie implicazioni sulle elezioni presidenziali del 2020.

Cacciatore Biden
Da quando il New York Times ha riconosciuto l’esistenza del laptop, un numero crescente di repubblicani chiede una nuova indagine su Hunter Biden.
Immagine dal laptop di Hunter Biden

“Il mio punto principale è che i media mainstream, i loro pregiudizi, la loro corruzione, la loro complicità nella bufala della collusione russa, hanno interferito con le nostre elezioni. Ha avuto un impatto molto maggiore sulle nostre elezioni di qualsiasi cosa la Russia o la Cina potessero sperare di ottenere. Ma non sono mai ritenuti responsabili perché devono ritenersi responsabili e non lo faranno”, ha detto.

Read:  Psaki difende le manifestazioni "pacifiche" sull'aborto nelle case dei giudici

Johnson ha anche paragonato il fondatore di Amazon Jeff Bezos, il proprietario del Washington Post e l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ai funzionari dei media statali russi che stanno sopprimendo le informazioni sulla guerra in Ucraina.

“Questi sono miliardari della grande tecnologia. Vai in Ucraina e la denuncia riguarda sempre gli oligarchi dei media che stanno corrompendo il processo politico nei paesi dell’Europa orientale. Abbiamo i nostri oligarchi dei media. Li abbiamo appena chiamati miliardari della grande tecnologia”, ha detto Johnson.

“Sono molto più potenti di qualsiasi oligarca dei media in Russia o nell’Europa orientale. Guarda la soppressione. La censura. Il pregiudizio. Abbiamo miliardari della grande tecnologia. E stanno avendo un impatto drammatico e interferendo nella nostra politica”, ha continuato.

Sia Twitter che Facebook hanno iniziato a censurare le denunce di The Post su Hunter Biden poco dopo la loro pubblicazione.

Johnson ha anche accusato Google di aver manipolato i termini di ricerca durante le elezioni per spingere milioni di elettori a Hillary Clinton, la candidata presidenziale democratica nel 2016, ma ha affermato che i media mainstream proteggono Big Tech.

“Ma i media mainstream lo nascondono. Non permetteranno che queste informazioni vengano rivelate al pubblico americano. Hanno un potere incredibile. E stanno usando quel potere”, ha detto.

“Questa è solo la verità. Non sveleranno la verità”.