Il team di Durham rivela all’FBI un messaggio schiacciante dell’avvocato di Hillary Clinton, Sussmann

Il team di Durham rivela all'FBI un messaggio schiacciante dell'avvocato di Hillary Clinton, Sussmann

Il team di Durham rivela all’FBI un messaggio schiacciante dell’avvocato di Hillary Clinton, Sussmann

Un messaggio di testo schiacciante mostra che l’ex avvocato della campagna di Hillary Clinton, Michael Sussmann, ha detto al principale avvocato dell’FBI che voleva solo “aiutare l’Ufficio” condividendo dati informatici che coinvolgono Donald Trump e la Russia.

Il messaggio, rivelato mercoledì in tribunale, è stato inviato da Sussmann all’allora consigliere generale dell’FBI James Baker la notte del 18 settembre 2016, Baker ha testimoniato al processo di Sussmann a Washington, DC, alla corte federale.

«Jim… è Michael Sussmann. Ho qualcosa di sensibile al tempo (e sensibile) di cui devo discutere. Hai disponibilità per un breve incontro domani? Vengo da solo, non per conto di un cliente o di un’azienda, voglio aiutare l’Ufficio di presidenza. Grazie”, ha scritto nel messaggio visualizzato in tribunale.

Read:  L'incidente in mongolfiera del Wisconsin lascia 3 ricoverati in ospedale

Baker ha detto di aver accettato di incontrare Sussmann al quartier generale dell’FBI il giorno successivo, quando Sussmann ha consegnato informazioni che presumibilmente mostravano un canale segreto tra un server informatico dell’Organizzazione Trump e la banca russa Alfa.

Consigliere speciale John Durham
Il procuratore speciale John Durham lascia il tribunale federale degli Stati Uniti dopo aver aperto le argomentazioni nel processo a Michael Sussmann.
Reuters/Julia Nikhinson
James Baker
Sussmann ha inviato i messaggi di testo all’allora consigliere generale dell’FBI James Baker.
Twitter
L'insegna dell'Alfa Bank è visibile su un edificio a Minsk, in Bielorussia, il 7 settembre 2017.
C’è un presunto backchannel condiviso tra un server informatico della Trump Organization e l’Alfa Bank russa.
Reuters/Vasily Fedosenko

Sussmann, 57 anni, è accusato di aver mentito al governo perché presumibilmente stava lavorando per conto della campagna Clinton e un altro cliente, il dirigente tecnologico Rodney Joffe, che gli ha parlato dei presunti dati Trump-Russia.

Baker ha testimoniato di essere “un po’ sorpreso” Sussmann aveva il suo numero di cellulare prima di aggiungere: “Ma Michael è un amico, non mi ha davvero spaventato”.

Read:  L'Iran si prende il merito dei missili lanciati vicino al consolato Usa in Iraq: rapporto

Il testimone chiave dell’accusa ha detto di conoscere Sussmann da quando entrambi lavoravano come avvocati del Dipartimento di Giustizia e che si sono avvicinati dopo aver partecipato al funerale di un amico comune.

Sussmann
Michael Sussmann, un avvocato di sicurezza informatica che ha rappresentato la campagna presidenziale di Hillary Clinton nel 2016, lascia la corte federale.
AP/Manuel Balce Ceneta
Il Dipartimento di Giustizia ha pubblicato mostre che mostrano i testi di Sussmann all'FBI Baker
Sussmann ha scritto a Baker che voleva “aiutare il Bureau”.
DOJ

Baker ha anche testimoniato di non aver consegnato il messaggio di testo all’avvocato speciale John Durham in seguito all’accusa di Sussmann del 16 settembre perché nessuno lo aveva chiesto prima dell’inizio della fase di scoperta del caso.

“È francamente – non ho intenzione di prendere Michael e questa non è la mia indagine. Questa è la tua indagine”, ha detto durante l’interrogatorio del pubblico ministero Andrew DeFilippis.

Quando Baker ha trovato il messaggio a marzo, ha allertato il suo avvocato, che ha contattato il governo, ha testimoniato.

Read:  Il passeggero Delta avrebbe aggredito l'assistente di volo

Gli agenti dell’FBI sono andati a casa di Baker per impossessarsene lo stesso giorno, ha detto.

Baker avrebbe dovuto continuare a testimoniare giovedì.

Poco prima che Baker assumesse il banco dei testimoni, l’avvocato di Sussmann Sean Berkowitz ha affermato che la difesa potrebbe chiedere un processo giudiziario sulla base di un precedente interrogatorio dell’accusa dell’ex consigliere generale della campagna di Clinton Marc Elias.

La questione sembra legata a uno scambio in cui DeFilippis ha insistito su Elias per affermare che non sapeva se Sussmann fosse andato all’FBI per conto della campagna.

“Dovresti chiederlo a Michael Sussmann”, ha detto Elias.

Il giudice Christopher Cooper ha detto che affronterà la questione giovedì mattina, ma ha detto a entrambe le parti di prepararsi a ulteriori testimonianze perché non è incline a dichiarare un errore giudiziario.