Jen Psaki contrae il COVID prima del viaggio di Biden in Europa

Jen Psaki contrae il COVID prima del viaggio di Biden in Europa

Jen Psaki contrae il COVID prima del viaggio di Biden in Europa

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato martedì di essere risultata positiva al COVID-19 e che salterà il viaggio del presidente Biden in Belgio e Polonia per radunare gli alleati degli Stati Uniti contro l’invasione russa dell’Ucraina.

Psaki ha rivelato la sua infezione, alimentando nuovi timori per la salute del presidente 79enne, mentre una stanza di 49 giornalisti seduti e in gran parte smascherati aspettava che lei iniziasse la conferenza stampa quotidiana della Casa Bianca.

Read:  Il detenuto del New Jersey picchia a morte un altro prigioniero: i pubblici ministeri

“Oggi, in preparazione per il viaggio in Europa, questa mattina ho fatto un test PCR. Quel test è risultato positivo, il che significa che aderirò alla guida del CDC e non viaggerò più durante il viaggio del presidente in Europa”, ha affermato Psaki in una dichiarazione via email.

Psaki ha detto di aver incontrato Biden, la cui età avanzata lo mette a maggior rischio di malattie gravi o morte per COVID-19, due volte lunedì, ma non gli è stata vicina per un periodo di tempo significativo.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki
Psaki ha detto che intende lavorare da casa e isolarsi per cinque giorni in attesa di un futuro test negativo.
REUTERS/Lea Millis

“Ieri ho avuto due incontri socialmente distanziati con il presidente e il presidente non è considerato uno stretto contatto come definito dalla guida del CDC”, ha detto. “Condivido la notizia del mio test positivo oggi per abbondanza di trasparenza”.

Read:  Il video sembra mostrare un cane che giace nel fosso accanto all'ucraino morto

Psaki ha aggiunto: “Il presidente è risultato negativo oggi tramite test PCR. Grazie al vaccino, ho avuto solo sintomi lievi. In linea con i protocolli COVID-19 della Casa Bianca, lavorerò da casa e pianificherò di tornare al lavoro di persona al termine di un periodo di isolamento di cinque giorni e di un test negativo”.

La conferenza stampa quotidiana della Casa Bianca è proseguita senza Psaki. Uno dei suoi vice, Chris Meagher, ha pronunciato un discorso di apertura prima che il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan rispondesse alle domande dei giornalisti.

Read:  Il marito di Kamala Harris risulta positivo al COVID dopo aver trascorso una giornata con Biden

“Un professionista completo e un ottimo collega. Grazie a @chrismeagher46 per essere intervenuto oggi senza quasi nessun preavviso. (Mi dispiace anche che il podio sia così basso)” Psaki ha twittato.

I casi di COVID-19 sono diminuiti drasticamente nella maggior parte del paese dopo aver raggiunto i massimi storici a gennaio a causa della variante Omicron più contagiosa ma meno letale. Ma una nuova variante chiamata BA.2 sta suscitando timori su una possibile nuova ondata.

La malattia dell’addetto stampa porta di nuovo vicino a Biden il temuto insetto, che ha ucciso quasi un milione di americani in due anni.

Il secondo gentiluomo Doug Emhoff, 57 anni, è risultato positivo al COVID-19 martedì scorso dopo che sua moglie, la vicepresidente Kamala Harris, ha trascorso la giornata con Biden.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki
Psaki ha detto che il presidente Biden non è considerato un contatto stretto.
Alex Wong/Getty Images

L’ex presidente Barack Obama, 60 anni, ha dichiarato il 13 marzo di essere risultato positivo. E anche sette democratici della Camera che hanno partecipato a una conferenza di Filadelfia in cui Biden ha parlato l’11 marzo sono risultati positivi, inclusi i rappresentanti Jared Golden (D-Maine), Joe Neguse (D-Colo.), Andy Kim (D-NJ), Madeleine Dean ( D-Pa.), Zoe Lofgren (D-California), Kim Schrier (D-Wash.) e Rosa DeLauro (D-Conn.).

Psaki è completamente vaccinato ma in precedenza è risultato positivo al coronavirus a fine ottobre. Prima di risultare positivi in ​​quel caso, i membri della sua famiglia hanno contratto il virus, costringendo Psaki a saltare il secondo e più recente viaggio di Biden all’estero, che prevedeva soste in Italia, Vaticano e Regno Unito.