Jen Psaki si rompe mentre parla del disegno di legge “Non dire gay” della Florida

Jen Psaki si rompe mentre parla del disegno di legge "Non dire gay" della Florida

Jen Psaki si rompe mentre parla del disegno di legge “Non dire gay” della Florida

La segretaria stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha iniziato a singhiozzare durante un’intervista questa settimana mentre parlava di un’ondata di progetti di legge che secondo i critici prendono di mira i bambini gay e transgender, sostenendo che i bambini vengono usati come armi in una guerra di cultura politica.

Psaki è stato chiesto durante un’intervista con il podcast “News Not Noise” su leggi come il cosiddetto “Don’t Say Gay Bill” della Florida, che vieta la discussione sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere dalla scuola materna fino alla terza elementare, nonché l’istruzione su quegli argomenti che si svolgono “in un modo che non è appropriato per l’età o per lo sviluppo”.

Read:  AOC, i progressisti hanno esortato MTA a non assumere nuovi poliziotti nella lettera del '19

“Questa è una questione di cuneo politico e un tentativo di vincere una guerra culturale”, ha detto Psaki mentre iniziava a piangere sonoramente. “E lo stanno facendo in un modo che è duro e crudele per una comunità di bambini”.

“Mi commuovo per questo problema, perché è orribile”, ha continuato. “Ma è come se i ragazzini vittime di bullismo e tutti questi leader stessero prendendo provvedimenti per ferirli, ferire le loro vite e ferire le loro famiglie. E guardi alcune di queste leggi in questi stati e si tratta di genitori che hanno relazioni amorose, che hanno figli. È completamente scandaloso.

Read:  Mosca difende l'arresto della star del basket Brittney Griner

“Scusa, questo è un problema che mi fa completamente impazzire”, ha aggiunto l’addetto stampa.

Un’altra addetta stampa della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, che ha presieduto il podio durante gli ultimi nove mesi dell’amministrazione Trump, ha risposto martedì dicendo che vorrebbe che Psaki versasse una lacrima sull’entità dell’aborto in America.

“Se vuoi piangere per una questione in questo paese in questo momento, penso che l’addetto stampa dovrebbe piangere per i 62 milioni di bambini che non esistono, che sono stati abortiti a causa di Roe v. Wade, una decisione atroce e atroce in questo Paese che ha sterminato circa un quinto della popolazione degli Stati Uniti”, ha dichiarato martedì McEnany a Sean Hannity di Fox News.

Read:  Vitali Klitschko si dice pronto a dare la vita per l'Ucraina
Momento potente in cui Jen Psaki combatte le lacrime discutendo degli attacchi politici ai bambini LGBTQ.
L’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha iniziato a piangere mentre descriveva perché i progetti di legge sono “aspri e crudeli” per i giovani del paese.
Twitter/@BrianDMcBride
Il segretario stampa della Casa Bianca degli Stati Uniti Kayleigh McEnany parla durante una conferenza stampa alla Casa Bianca il 1 ottobre 2020 a Washington, DC.
L’ex segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany ha detto che Psaki dovrebbe piangere sull’aborto invece che sulla legislazione della Florida.
Drew Angerer/Getty Images
Il governatore della Florida Ron DeSantis mostra i diritti dei genitori nell'istruzione firmati, alias il disegno di legge Don't Say Gay, affiancato da studenti delle scuole elementari durante una conferenza stampa lunedì 28 marzo 2022, presso la scuola preparatoria classica di Shady Hills.
Il disegno di legge “Don’t Say Gay” è stato duramente criticato da quando il governatore della Florida Ron DeSantis lo ha firmato in legge il 28 marzo 2022.
Douglas R. Clifford/Tampa Bay Times via AP

Ma mercoledì mattina Psaki ha trovato un improbabile difensore nel co-conduttore di “Fox & Friends” Ainsley Earhardt, il quale ha affermato che nessuno vuole vedere i bambini vittime di bullismo a scuola.

“Le persone in Florida che supportano questo disegno di legge dicono ‘ha esattamente ragione'”, ha detto Earhardt. “Non lo vogliamo. Vogliamo che vivano in farfalle e arcobaleni il più a lungo possibile. E poi possono parlare di sesso alle medie quando hanno queste domande e sanno di cosa si tratta”.