Jussie Smollet riceve una condanna a 150 giorni di reclusione per aver mentito alla polizia su un crimine d’odio

Jussie Smollet riceve una condanna a 150 giorni di reclusione per aver mentito alla polizia su un crimine d'odio

Jussie Smollet riceve una condanna a 150 giorni di reclusione per aver mentito alla polizia su un crimine d’odio

CHIAGO (AP) – Jussie Smollett ha affermato la sua innocenza durante l’udienza di condanna giovedì dopo che un giudice ha condannato l’ex attore di “Empire” a 150 giorni di carcere per aver mentito alla polizia su un attacco razzista e omofobo che lui stesso aveva orchestrato.

Condannato il giudice della contea di Cook James Linn Smollett a 30 mesi di libertà vigilata per reato, di cui 150 giorni nella prigione della contea. Linn ha negato la richiesta di sospendere la condanna di Smollett e ha ordinato che fosse messo immediatamente in custodia.

Smollett è stato anche condannato a pagare $ 120.106 in restituzione alla città di Chicago.

Smollett ha dichiarato ad alta voce l’innocenza dopo la sentenza. “Sono innocente. Avrei potuto dire di essere colpevole molto tempo fa”, ha gridato Smollett mentre i vice dello sceriffo lo portavano fuori dall’aula, chiudendo un’udienza di condanna durata un’ora.

Linn ha criticato Smollett prima di pronunciare la sua decisione di condanna e si è dichiarato sbalordito dalle azioni di Smollett, dato il background familiare multirazziale dell’attore e la storia che lavora per conto delle organizzazioni di giustizia sociale.

“Per te ora sederti qui, condannato per bufala, crimini d’odio … l’ipocrisia è semplicemente sbalorditiva”, ha detto Linn.

Prima che Linn emettesse la sentenza, l’avvocato difensore di Smollett Nenye Uche ha chiesto a Linn di limitare la pena al servizio alla comunità. Ha detto che Smollett “ha perso quasi tutto” nella sua carriera e nelle sue finanze e ha chiesto a Linn di dargli il tempo di restituire se questo fa parte della sentenza.

Read:  Selena Gomez si scusa dopo il controverso video che ride della moglie di Justin Bieber

Testimoni sia dello stato che di Smollett hanno testimoniato alla sentenza di Smollett presso il tribunale della contea di Cook. Polizia di Chicago Supt. David Brown, che è stato chiamato dallo stato, ha presentato una dichiarazione che è stata letta ad alta voce da Samuel Mendenhall, un membro della squadra dell’accusa speciale.

Nella dichiarazione, Brown, che è diventato sovrintendente nell’aprile 2020 e non era con la città al momento del rapporto di polizia di Smollett, ha affermato che il falso rapporto di Smollett su un crimine d’odio ha danneggiato le “vere vittime” di tali crimini. Brown ha chiesto che la città fosse risarcita per i suoi costi, dicendo che il costo per indagare sulla sua richiesta avrebbe potuto essere speso altrove in città.

La nonna di Jussie Smollett, testimoniando per la difesa, ha chiesto a Linn di non includere il carcere nella sua condanna per Smollett.

“Le chiedo, giudice, di non mandarlo in prigione”, ha detto alla corte Molly Smollett, 92 anni. In seguito ha aggiunto: “Se lo fai, mandami con lui, ok?”

Il fratello di Smollett, Joel Smollett, Jr., ha detto alla corte che Smollett “non è una minaccia per il popolo dell’Illinois. A mio modesto parere è completamente innocente”.

Read:  La tutela di Amanda Bynes è stata revocata da un giudice

La difesa dell’avvocato di Smollet non ha aiutato.

Gli avvocati di Smollett hanno anche letto ad alta voce le lettere di altri sostenitori, tra cui un organizzatore con Black Lives Matter, la Rainbow PUSH Coalition e LaTanya e Samuel L. Jackson che hanno chiesto a Linn di considerare l’effetto del caso sulla vita e sulla carriera di Smollett e di evitare qualsiasi reclusione come parte di la sua sentenza.

Altri sostenitori hanno parlato della preoccupazione che Smollett sarebbe stato a rischio in prigione, menzionando in particolare la sua razza, l’orientamento sessuale e l’eredità ebraica della sua famiglia.

Smollett ha rifiutato di rilasciare una dichiarazione in udienza. La sua decisione è arrivata dopo che il procuratore speciale Dan Webb ha chiesto a Linn di includere “una quantità adeguata di reclusione” quando ha condannato l’attore per la sua condanna.

Prima dell’inizio della sentenza, Linn ha respinto una mozione della difesa per ribaltare il verdetto della giuria per motivi legali. I giudici raramente accolgono tali mozioni.

Smollett ha rischiato fino a tre anni di carcere per ciascuno dei cinque reati di condotta disordinata – l’accusa presentata per aver mentito alla polizia – di cui è stato condannato. Fu assolto per un sesto conteggio.

Ma poiché Smollett non ha una lunga storia criminale e la condanna è per un crimine non violento di basso livello, gli esperti non si aspettavano che venisse mandato in prigione.

Read:  Oscar 2022: come hanno preso il nome gli Oscar?

La sentenza di giovedì potrebbe essere l’ultimo capitolo di un procedimento penale, soggetto ad appello, che ha fatto notizia a livello internazionale quando Smollett, che è nero e gay, ha riferito alla polizia che due uomini che indossavano passamontagna lo hanno picchiato e gli hanno lanciato insulti razzisti e omofobici contro di lui. una strada buia di Chicago e corse via.

A dicembre, Smollett è stato condannato in un processo che includeva la testimonianza di due fratelli che hanno detto ai giurati che Smollett li ha pagati per eseguire l’attacco, hanno dato loro i soldi per i passamontagna e la corda, hanno ordinato loro di modellare la corda in un cappio. I pubblici ministeri hanno detto che ha detto loro quali insulti razzisti e omofobici gridare e che Smollett era nel “Maga Country”, un riferimento allo slogan della campagna presidenziale di Donald Trump.

Smollett, che conosceva gli uomini dal suo lavoro nello show televisivo “Empire” girato a Chicago, ha testimoniato di non riconoscerli e di non sapere che erano gli uomini che lo attaccavano.

A differenza del processo, Linn ha accettato di far entrare i fotografi e una telecamera all’interno del tribunale per l’udienza, il che significa che il pubblico ha potuto vedere e ascoltare Smollett parlare in tribunale per la prima volta.