Kevin Durant critica il sindaco di New York per il mandato di vaccinazione

Kevin Durant critica il sindaco di New York per il mandato di vaccinazione

Kevin Durant critica il sindaco di New York per il mandato di vaccinazione

Kevin Durant ha chiamato Eric Adamsil sindaco di New York City, per la strana politica di vaccinazione attualmente in vigore.

Non vaccinato Reti guardia Kyrie Irving non è ancora in grado di giocare le partite casalinghe a Centro Barclays a causa del mandato di vaccinazione del settore privato della città. Nonostante ciò, le regole cittadine ora gli consentono di assistere alle partite e di sedersi in panchina con i suoi compagni di squadra. Irving è stato persino autorizzato a entrare negli spogliatoi all’intervallo. Il ridicolo di ciò non è stato perso per nessuno, specialmente per Durant.

Read:  Bundesliga: Hamann: il Borussia Dortmund è arrabbiato per il circo di Haaland

Dopo la partita di domenica, Durant ha accusato il sindaco di New York Eric Adams di cercare attenzione e ha esortato Adams a “capirlo”, citando la natura confusa e incoerente delle politiche della città.

“È ridicolo. Non lo capisco affatto”, ha detto Durant. “Non capisco. A questo punto sembra che qualcuno stia cercando di fare una dichiarazione o un punto per dimostrare la sua autorità. Tutti qui cercano attenzione, ed è quello che sento che il sindaco vuole in questo momento, alcuni attenzione. Lo scoprirà presto. Il migliore”, ha detto Durant.

Read:  Playoff NBA: i Dallas Mavericks perdono Gara 1 contro Utah Jazz, Donovan Mitchell ha diretto lo spettacolo

“Tipo, non capisco. Sì, siamo tutti confusi. Praticamente tutti nel mondo sono confusi a questo punto. All’inizio della stagione le persone non capivano cosa stesse succedendo, ma ora sembra stupido Quindi si spera, Eric, che devi capirlo”, ha detto Durant dopo la vittoria dei Nets sui Knicks.

Quando potrà tornare a giocare a Irving?

In un certo senso, Durant ha ragione. Qualunque fosse lo scopo originale dei mandati di New York, ora sono privi di significato. Se Irving può sedersi in panchina e negli spogliatoi vicino ai suoi compagni di squadra, non c’è giustificazione per non farlo giocare. Nessuno può sostenere che ciò vada a vantaggio degli avversari, poiché i giocatori in visita non vaccinati possono giocare al Barclays Center.

Read:  Sessanta milioni di euro per Tchouameni sono un buon affare

Adams in precedenza aveva affermato che Irving non riceverà un’esenzione personale dalla politica che gli avrebbe permesso di giocare. A questo punto, non dovrebbe averne bisogno se la politica è viziata come lo è in primo luogo.

Sfortunatamente, fino a quando la situazione non sarà chiarita, Kyrie Irving sarà ancora seduto in panchina.