La tutela di Amanda Bynes è stata revocata da un giudice

La tutela di Amanda Bynes è stata revocata da un giudice

La tutela di Amanda Bynes è stata revocata da un giudice

UNdopo nove anni complicati, attrice Conservatorio di Amanda Bynesche ha supervisionato i suoi affari personali e professionali, è stata chiusa da un giudice martedì.

In una breve udienza di cinque minuti, il giudice della contea di Ventura Roger Lund ha annunciato che “la tutela non è più necessaria o richiesta e, pertanto, la petizione per la risoluzione è accolta”.

Bynes ha presentato una petizione a febbraio per porre fine alla sua tutela

La celebrità che è apparsa in film come She’s the Man, Hairspray e Easy A aveva presentato in via confidenziale la petizione per porre fine alla sua tutela lo scorso febbraio.

Read:  The Batman: dove è stato girato il nuovo film del cavaliere oscuro?

Lynne Bynesmadre dell’attrice, è stata la sua tutrice per tutti questi anni e ha accettato la richiesta della figlia.

“Lynn è così orgogliosa di Amanda e ha fatto progressi e non vede l’ora di avere una relazione madre-figlia con Amanda al di fuori della tutela”, ha detto a Fox News Digital Tamar Arminak, a nome di madre Bynes.

Perché Amanda Bynes aveva un conservatore?

Bynes è stata collocata nella custodia di sua madre nel 2013 dopo che l’attrice ha avuto problemi personali che includevano il suo ricovero in ospedale dopo aver presumibilmente appiccato un piccolo incendio in un vialetto.

Read:  C'era un film sul tennis? Naomi Osaka non sa per cosa fosse Will Smith agli Oscar

A seguito di questi eventi, Bynes ha ricevuto cure presso centri di riabilitazione e nel 2019 si è laureata presso il Fashion Institute of Design and Merchandising della California.

Un anno dopo, il giorno di San Valentino, l’attrice di serie come What I Like About You ha annunciato il suo fidanzamento con Paul Michael.

La stessa Bynes aveva recentemente parlato sui social media della sua tutela, dicendo su Instagram “Voglio ringraziarvi così tanto per il vostro amore e supporto”.