Le pornostar russe sono state bandite da OnlyFans durante la guerra in Ucraina

Le pornostar russe sono state bandite da OnlyFans durante la guerra in Ucraina

Le pornostar russe sono state bandite da OnlyFans durante la guerra in Ucraina

Dalla Russia — senza amore.

Gli intrattenitori per adulti in Russia sono stati bloccati da OnlyFans a causa delle sanzioni finanziarie imposte al paese in seguito all’invasione dell’Ucraina.

Diversi creatori di contenuti stravaganti si sono pronunciati domenica, dicendo che non erano in grado di condividere nuovi video e accedere ai soldi guadagnati tramite i loro account OnlyFans.

“A breve termine, non ho soldi per vivere… Molti modelli [are] di fronte a questo, nessuno pensava che potesse succedere”, ha detto l’utente Bunnie Mommy a Rolling Stone, sostenendo che il suo account è stato bloccato sabato sera.

Read:  I federali sequestrano più di 700.000 dollari di cocaina al confine tra Stati Uniti e Messico

La modella X ha affermato di aver perso oltre $ 8.000 negli Stati Uniti durante il divieto.

L'utente russa di OnlyFans Bunnie Mommy afferma di aver perso oltre $ 8.000 USD a causa del divieto.  A partire da lunedì, OnlyFans ha affermato che i creatori di contenuti nel paese sono stati in grado di accedere nuovamente ai propri account.
L’utente russa di OnlyFans Bunnie Mommy sostiene di aver perso oltre $ 8.000 negli Stati Uniti a causa del divieto. A partire da lunedì, OnlyFans ha affermato che i creatori di contenuti nel paese sono stati in grado di accedere nuovamente ai propri account.
Twitter/@bunnie_mommy

In una dichiarazione domenica, OnlyFans ha dichiarato al Daily Beast: “Sebbene i creatori non siano responsabili dei recenti attacchi all’Ucraina, a causa delle restrizioni finanziarie mondiali abbiamo metodi molto limitati per pagare gli account Creator collegati a Russia e Bielorussia. Di conseguenza i pagamenti sono stati limitati”.

La società ha inoltre affermato che “i nuovi abbonamenti non saranno accettati e gli abbonamenti attuali non si rinnoveranno una volta scaduti” fino a quando le sanzioni russe non saranno revocate.

Read:  La Russia colpisce Lviv in Ucraina con missili da crociera, afferma il ministero della Difesa

Tuttavia, lunedì, OnlyFans ha dichiarato al Daily Star: “Dopo aver subito restrizioni finanziarie, siamo stati in grado di ripristinare l’attività dell’account per i creatori di tutti i paesi. I loro account avranno funzionalità complete fintanto che continueremo a disporre di metodi di pagamento per supportarli”.

L'utente di Mosca @SixSexPlanes ha affermato che non era giusto che i creatori di contenuti in Russia fossero stati banditi, poiché molti di loro non supportavano l'invasione.
L’utente di Mosca @SixSexPlanes ha affermato che non era giusto che i creatori di contenuti in Russia fossero stati banditi, poiché molti di loro non supportavano l’invasione.
Twitter/@Mizuki__tyan
Gli utenti russi di OnlyFans SixSexPlanes (a sinistra) e Bunnie Mommy (a destra) hanno entrambi affermato di essere stati bloccati dai loro account durante il fine settimana a causa delle sanzioni imposte al paese.
Gli utenti russi di OnlyFans SixSexPlanes (a sinistra) e Bunnie Mommy (a destra) hanno entrambi affermato di essere stati bloccati dai loro account durante il fine settimana a causa delle sanzioni imposte al paese.
Solo fan

Hanno aggiunto: “Non stavamo chiudendo o sospendendo alcun account di creatore in base alla posizione del creatore e stiamo facendo tutto il possibile per supportare la nostra comunità”.

La notizia è un dolce sollievo per altre audaci star russe, molte delle quali hanno affermato di dover affrontare un’imminente povertà alla prospettiva di essere bandite da OnlyFans.

Read:  Secondo quanto riferito, il jet legato a Roman Abramovich rimbalza da Israele alla Turchia

La star di OnlyFans @kitty ha detto al Daily Beast: “In questo momento non ho fondi per comprare cibo o pagare l’affitto. Ho partecipato a diverse proteste da quando mi sono trasferito a Mosca quando avevo 18 anni. Non siamo Putin! Tutte le mie preghiere per la pace e per il popolo ucraino”.

Bunnie Mommy ha convenuto che non era giusto penalizzare i creatori di contenuti russi per una guerra che non hanno sostenuto.

“Bloccare conti bancari di pacifici russi, bloccare pagine di lavoro e congelare le entrate non aiuterà l’Ucraina”, ha dichiarato. “[We] sono esseri umani, che desiderano davvero un cielo pacifico sotto l’Ucraina e vogliono aiutare il più possibile”.

Un altro modello russo che pubblica post sotto l’handle @SixSexPlanes è d’accordo.

Il fumo sale sulla parte della capitale ucraina.  Il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha dichiarato il 28 febbraio 2022 che almeno 102 civili, inclusi sette bambini, sono stati uccisi in Ucraina da quando la Russia ha lanciato la sua invasione cinque giorni fa.
Il fumo sale su parte della capitale ucraina. Il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha dichiarato il 28 febbraio 2022 che almeno 102 civili, inclusi sette bambini, sono stati uccisi in Ucraina da quando la Russia ha lanciato la sua invasione cinque giorni fa.
© Evgen Kotenko/Ukrinform via ZUMA Press Wire

“È importante dire che non sosteniamo tutti il ​​nostro governo. Ne stiamo soffrendo tutto il tempo e ora siamo tutti scioccati “, ha affermato.

Lunedì, l’ONU ha affermato che almeno 102 civili sono stati uccisi in Ucraina da quando la Russia ha lanciato la sua invasione cinque giorni fa.