LeBron James salterà un’altra partita a causa di un infortunio alla caviglia

LeBron James salterà un'altra partita a causa di un infortunio alla caviglia

LeBron James salterà un’altra partita a causa di un infortunio alla caviglia

hè la quarta stagione da giocatore dei Los Angeles Lakers che si sta rivelando deludente per la carriera di LeBron James che, nonostante sia in testa alla classifica dei punteggi NBA con 30.1 punti a partita (oltre a 8.2 rimbalzi e 6.3 assist a partita), non è riuscito ad ottenere la sua squadra per invertire un trend negativo di risultati che li vede sull’orlo di uno scandaloso fallimento.

In cotone idrofilo

Oltre ad essere stato escluso dalla partita contro i Dallas Mavericks, il 37enne veterano non potrà scendere in campo nella partita di giovedì contro gli Utah Jazz.

La dirigenza della squadra californiana ha annunciato che The King soffre ancora della distorsione alla caviglia che ha subito la scorsa settimana.

Read:  Shaquille O'Neal debutta su Colbert, procede a prendere in giro Charles Barkley

Per i fan dei Lakers questa notizia è preoccupante, in quanto la squadra deve avere successo nelle prossime sette partite, fondamentali per evitare una delle campagne più buie degli ultimi anni.

Prima dell’inizio della partita di mercoledì, i Lakers (31-44) sono all’undicesimo posto nella Western Conference, che li lascia fuori dalla zona play-in.

Stagione da incubo

Questa situazione fa miracoli per i San Antonio Spurs (31-44), che nonostante le numerose sconfitte sono ancora decimi in classifica con la possibilità di sorpassare i Lakers.

Da quando le squadre si sono fermate per la pausa All-Star, i Lakers hanno registrato 4 vittorie e 13 sconfitte, ma cosa più allarmante, hanno dimostrato di essere fortemente dipendenti dalle prestazioni di James sotto il tabellone.

Read:  Barcellona: Barcellona - Eintracht Francoforte 2-3: gol e highlights - Europa League 21/22

Stranamente, quest’anno il loro management ha scommesso circondando il loro fuoriclasse di giocatori esperti come Russell Westbrook, Carmelo Anthony e Dwight Howard, ma il progetto si è rivelato l’opposto di quello che si aspettavano da loro.