NBA MVP Race: perché Kevin Durant non crede che Joel Embiid vincerà il premio?

NBA MVP Race: perché Kevin Durant non crede che Joel Embiid vincerà il premio?

NBA MVP Race: perché Kevin Durant non crede che Joel Embiid vincerà il premio?

UNSecondo la maggior parte degli esperti della NBA, il premio MVP della stagione regolare ha in realtà tre favoriti sopra gli altri, il Filadelfia 76ers‘ Centro camerunese Gioele Embiidil centro anche serbo del Denver Nuggets, Nikola Jokic e l’attaccante greco dei campioni Milwaukee Bucks, Giannis Antetokounmpo.

La percezione del Most Valuable Player della NBA nella stagione 2014, Kevin Durantè che il vincitore dovrebbe essere il giocatore africano, ma il vero succo delle sue dichiarazioni ha a che fare con il fatto che non crede che gli elettori siano d’accordo con il suo punto di vista, secondo un’intervista concessa al New York Daily News.

Le parole di Kevin Durant

“Ci sono molti giocatori che sono stati controllati dalla loro narrativa”, ha detto Durant. “In parte è stato a causa del giocatore e in parte riguarda la percezione che altre persone hanno di quel giocatore. Nel caso di Joel, più persone proprio come Giannis (Antetokounmpo) e (Nikola) Jokic”.

Read:  La sfida che potrebbe motivare e convincere Mbappe a restare al PSG

Secondo il famoso “KD”, la personalità un po’ conflittuale di Embiid non va d’accordo con gli elettori e con i più “simpatici” Giocatori europeiche sono più appetibili alla stampa in generale.

“È così semplice. La sua personalità, la sua storia, immagino. Da giocatore di basket, se le persone guardano solo al gioco e a cosa c’è sul pavimento, quindi alla narrativa, a chi sei e alla tua personalità, quella roba non è proprio così importa o non dovrebbe importare. Joel, probabilmente a loro piacciono di più quei ragazzi. Non è giusto. Ma è così che a volte va”.

Read:  Il Liverpool va in testa dopo aver battuto Man Utd

Joel Embiid ha vinto il titolo di punteggio della stagione regolare

Durante la stagione regolare recentemente completata, Embiid ha vinto il titolo di punteggio con una media di 30,6 punti a partita, il primo giocatore nei 75 anni di storia della NBA a vincere il premio e il primo centro nominale a farlo da allora Shaquille O’Neal nella stagione 2000.