Ordine esecutivo della criptovaluta: cosa aspettarsi dalla strategia di Joe Biden per le criptovalute

Ordine esecutivo della criptovaluta: cosa aspettarsi dalla strategia di Joe Biden per le criptovalute

Ordine esecutivo della criptovaluta: cosa aspettarsi dalla strategia di Joe Biden per le criptovalute

PIl residente Joe Biden si prepara a firmare un ordine esecutivo questa settimana che delineerà la strategia del governo degli Stati Uniti per le criptovalute.

Secondo i rapporti, l’ordine spingerà le agenzie federali a esaminare potenziali modifiche normative, nonché la sicurezza nazionale e l’impatto economico delle risorse digitali.

Qual è l’approccio della Casa Bianca?

L’approccio della Casa Bianca alle criptovalute ha attirato nuova attenzione nelle ultime settimane poiché Washington e i suoi alleati hanno imposto sanzioni alla Russia, suscitando preoccupazione tra le persone che usano le criptovalute.

Read:  Dan Price, il capo che ha abbassato il suo stipendio per aumentarlo per i suoi dipendenti

A causa delle preoccupazioni che individui e società sanzionati in Russia possano utilizzare risorse digitali per aggirare le sanzioni, il settore delle criptovalute deve affrontare un intenso controllo da parte dei legislatori.

Secondo alcuni analisti e funzionari, l’efficacia delle criptovalute è insicura, date le dimensioni limitate del mercato.

Sebbene i funzionari statunitensi abbiano minimizzato il significato della criptovaluta rispetto alla capacità della Russia di eludere le sanzioni, rimane una preoccupazione.

“Continueremo a guardare come funzionano le sanzioni e valuteremo se ci sono perdite di liquidi o meno e abbiamo la possibilità di affrontarle. Sento spesso menzionare la criptovaluta e questo è un canale da tenere d’occhio”, ha detto la scorsa settimana il segretario al Tesoro Janet Yellen settimana.

Read:  Rimborso dell'imposta sul reddito: perderai il rimborso se non hai rispettato la scadenza?

Lunedì, il Financial Crimes Enforcement Network del Tesoro ha emesso un avviso consigliando alle istituzioni finanziarie di essere “vigili” contro qualsiasi tentativo di eludere le sanzioni in connessione con la guerra russa in Ucraina.