Origine del pesce d’aprile: qual è la vera storia del pesce d’aprile?

Origine del pesce d'aprile: qual è la vera storia del pesce d'aprile?

Origine del pesce d’aprile: qual è la vera storia del pesce d’aprile?

eogni anno 1 aprile, Primo d’Aprile è celebrato in diversi paesi da culture diverse, con l’obiettivo di provare a fare uno scherzo a qualcuno.

Potrebbe essere semplice come uno scherzo pratico o forse anche una bufala, ma è fondamentale 1 aprile sei vigile a qualsiasi potenziale Primo d’Aprile scherzi.

Storia del pesce d’aprile

Si pensa che Primo d’Aprile nacque per la prima volta nel 1582, quando la Francia fece il passaggio dal calendario giuliano al calendario gregoriano.

Mentre il nuovo anno è iniziato con l’equinozio di primavera intorno alla data di 1 aprile nel calendario giuliano, il calendario gregoriano inizia l’anno il 1 gennaio.

Read:  Moduli fiscali IRS: che cos'è il modulo W-2, dichiarazione salariale e fiscale?

Pertanto, chiunque celebrasse ancora il nuovo anno nell’ultima settimana di marzo fino all’1, veniva deriso e chiamato “Pesce d’aprile“.

Uno degli scherzi comuni era quello di avere un pesce di carta posto sulla schiena, con queste persone poi chiamate “poisson d’avril”, che si traduce in pesce di aprile. Il significato di questo è che dovrebbe simboleggiare un pesce giovane e facilmente catturabile e una persona credulone.

Nel frattempo, in Gran Bretagna, il tradizionale prese piede durante il XVIII secolo, considerato come un evento di due giorni in Scozia, dove si sarebbe svolta per prima la “caccia al gowk”. È qui che le persone venivano inviate in viaggi senza meta per trovare qualcosa che non esisteva, prima che seguisse il Tailie Day il giorno dopo, quando una coda finta sarebbe stata appuntata sulla schiena di qualcuno o avrebbero avuto un cartello “calciami” su di loro.

Read:  Kate Moss smascherata dalla figlia Lila: "Probabilmente odierebbe che lo dicessi".

C’è anche una certa rilevanza storica di Primo d’Aprile nell’antica Roma, poiché la festa di Ilaria, che in latino si traduce in gioiosa, sarebbe stata celebrata alla fine di marzo da coloro che facevano parte del culto di Cibele. Per questo, le persone si travestivano e prendevano in giro i concittadini.