Perché Nikola Jokic è passato da MVP di Denver Nuggets a cattivo dei Playoffs?

Perché Nikola Jokic è passato da MVP di Denver Nuggets a cattivo dei Playoffs?

Perché Nikola Jokic è passato da MVP di Denver Nuggets a cattivo dei Playoffs?

wcappello qualche settimana fa sembrava l’occasione ideale per il Denver Nuggets essere uno dei protagonisti della Playoff NBA 2022 ha preso una svolta sorprendente, piazzando il franchise sull’orlo dell’eliminazione nella loro serie contro i Golden State Warriors e uno di quelli individuati per questo imminente fallimento è Nikola Jokic.

Nonostante sia uno dei candidati al gli ultimi tre per l’MVP della stagione regolare complice un livello superlativo, il centro serbo non è bastato a far battere la sua squadra Steph Curry, Klay Thompson e compagnia.

Cosa ha fatto Jokic nella serie contro Warriors?

Per la serie del primo turno della Western Conference contro Golden State, Jokic non ha avuto numeri negativi individualmente, 25 punti, 10 rimbalzi e 6 assist in Gara 1, nonostante sia stato espulso nel gioco 2 ha ottenuto 26 punti, 11 rimbalzi e 4 assist, mentre in gara 3 aveva 37 punti, 18 rimbalzi e 5 assist.

Read:  Nets GM Sean Marks sul ritorno di Ben Simmons: "Spero entro la fine della prossima settimana"

Quindi, con quei numeri dopo le prime tre partite della serie contro Warriors, perché viene criticato il contributo e l’impatto del serbo sul gioco dei Nuggets?

Il gioco di Jokic ‘rallenta’ i suoi compagni di squadra a Denver

La realtà è che i Nuggets soffrono di un’enorme dipendenza dal gioco di Jokic e le serie che giocano nel primo round della Western Conference lo dimostrano. Ad eccezione di Gara 1 in cui Will Barton ha contribuito con 24 punti, 6 rimbalzi e 5 assist, nelle restanti partite non ci sono stati altri giocatori nel roster che si sono avvicinati ai numeri di Joker.

Read:  Bruno Guimaraes: la firma del record del Newcastle vuole diventare una leggenda del club

In gara 2, Barton, Monte Harris e Nah’Shon Hyland hanno segnato 12 punti ciascuno, ancora lontani dai numeri del serbo, mentre in gara 3 i 18 punti, 12 rimbalzi e 4 assist di Aaron Gordon sono stati i più vicini a quello che Jokic ha realizzato.

Altri giocatori come Jeff Green, Austin Rivers o Facundo Campazzo sembrano oscurati dal gioco basato su Jokic, che ha i Nuggets sul punto di essere eliminati dai playoff, salvo un epico miracolo NBA.