Psaki difende le manifestazioni “pacifiche” sull’aborto nelle case dei giudici

Psaki difende le manifestazioni "pacifiche" sull'aborto nelle case dei giudici

Psaki difende le manifestazioni “pacifiche” sull’aborto nelle case dei giudici

Martedì il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha difeso le proteste fuori dalle case suburbane dei giudici conservatori della Corte Suprema definendole “pacifiche fino ad oggi” – nonostante il fatto che mercoledì siano previste più manifestazioni potenzialmente illegali per fare pressione sui giudici affinché abbandonino una bozza anti-aborto sentenza sui diritti.

“L’opinione di vecchia data del presidente è che le minacce violente e le intimidazioni di qualsiasi tipo non hanno posto nel discorso politico. E ovviamente crediamo nelle proteste pacifiche”, ha detto Psaki durante la sua conferenza stampa quotidiana.

“Quindi so che c’è un oltraggio in questo momento, suppongo, per le proteste che sono state pacifiche fino ad oggi”, ha aggiunto in seguito Psaki. “E certamente continuiamo a incoraggiarlo al di fuori delle case dei giudici e questa è la posizione del presidente”.

Psaki ha anche puntato il dito contro i repubblicani, dicendo che le voci del GOP che chiamavano i manifestanti sono rimaste in silenzio “per anni sulle proteste avvenute fuori dalle case dei membri del consiglio scolastico” e fuori dalla casa del segretario di stato del Michigan. Ha anche invocato la rivolta del Campidoglio dell’anno scorso.

Read:  L'ambasciata degli Stati Uniti trova Brittney Griner "in buone condizioni" durante la visita in Russia

“Il silenzio è piuttosto assordante su tutte le altre intimidazioni che abbiamo visto a un certo numero di persone”, ha detto l’addetto stampa.

L'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki
Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki insiste che i manifestanti pro-choice che si radunano davanti alle case dei giudici della Corte Suprema siano “pacifici”.
AP Foto/Manuel Balce Ceneta

Ma mentre Psaki ha continuato a ripetere la mancanza di violenza finora nelle varie manifestazioni tenute fuori dalle case dei giudici Samuel Alito, John Roberts e Brett Kavanaugh, la loro legalità ha più a che fare con la pressione sui giudici in carica per influenzare le loro opinioni.

Una sezione della legge federale – 18 USC 1507 – afferma che chiunque abbia l’intento di “interferire, ostacolare o impedire l’amministrazione della giustizia, o con l’intento di influenzare qualsiasi giudice, giurato, testimone o funzionario del tribunale” e picchetti o sfilate all’interno o vicino a un edificio del tribunale o residenza “occupato o utilizzato da tale giudice, giurato, testimone o ufficiale del tribunale” sarà soggetto a una multa o alla reclusione di un anno.

La legge si applica anche a una persona che utilizza camion del suono o dispositivi simili “o ricorre a qualsiasi altra manifestazione dentro o vicino a tale edificio o residenza”.

Gli agenti di polizia del Campidoglio degli Stati Uniti arrestano un manifestante pro-choice che tenta di lanciare latte al cioccolato contro un attivista pro-vita fuori dalla Corte Suprema l'8 maggio 2022.
Gli agenti di polizia del Campidoglio degli Stati Uniti arrestano un manifestante pro-choice che tenta di lanciare latte al cioccolato contro un attivista pro-vita fuori dalla Corte Suprema l’8 maggio 2022.
AP Photo/Amanda Andrade-Rhoades

Il procuratore generale Merrick Garland e il Dipartimento di giustizia non hanno commentato pubblicamente la questione e non hanno risposto all’indagine del Post sul fatto che stia monitorando queste recenti dimostrazioni e se il Dipartimento le ritenga in violazione della legge.

Read:  La star del cinema ucraino Pasha Lee è stata uccisa nei bombardamenti russi di Irpin

Nel frattempo, diverse proteste potenzialmente grandi sono previste per la fine di questa settimana, tra cui “passeggiate” fuori dalle case di tutti e sei i giudici conservatori ospitati dall’organizzazione per i diritti dell’aborto Ruth Sent Us mercoledì.

Negli ultimi due anni, le grandi manifestazioni politiche a Washington si sono spesso trasformate in caos. Le proteste contro la brutalità della polizia nel 2020 si sono trasformate in notti di distruzione in tutta la città, incluso il tentativo di dare alle fiamme il quartier generale del sindacato AFL-CIO per rappresentare la polizia. Nel 2021, una folla di sostenitori dell’allora presidente Donald Trump ha preso d’assalto il Campidoglio, attaccando polizia e giornalisti e vandalizzando l’edificio storico per fermare la certificazione della vittoria elettorale del presidente Biden.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki parla durante una conferenza stampa alla Casa Bianca a Washington, martedì 10 maggio 2022.
Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che i repubblicani dovrebbero essere più preoccupati per gli attivisti di destra.
AP Foto/Manuel Balce Ceneta
Gli agenti di polizia del Campidoglio degli Stati Uniti arrestano un manifestante pro-choice che tenta di lanciare latte al cioccolato contro un attivista pro-vita fuori dalla Corte Suprema l'8 maggio 2022.
Il procuratore generale Merrick Garland non ha risposto ad alcuna protesta pianificata al di fuori delle case dei giudici della Corte suprema.
AP Photo/Amanda Andrade-Rhoades

Le autorità di Washington hanno eretto un’alta recinzione antisommossa fuori dalla Corte Suprema a seguito della fuga senza precedenti della bozza di sentenza sull’aborto, che consentirebbe agli stati di definire le proprie politiche sull’aborto dopo mezzo secolo di accesso garantito alla procedura dal governo federale.

Read:  I marines americani identificano quattro uomini uccisi durante le esercitazioni della NATO in Norvegia

Secondo quanto riferito, Alito, l’autore della bozza di sentenza, è nascosto con la sua famiglia. Non è chiaro se altri giudici rimangano a casa.

Gli attivisti dell’area di Washington hanno preso di mira le case private in passato. I manifestanti di sinistra nel 2018 hanno sfondato la porta d’ingresso della casa del conduttore di Fox News Tucker Carlson e presumibilmente sarebbero stati registrati mentre discutevano di un tubo bomba.

Michelle Peterson, di Silver Spring, Md., protesta al di fuori della Corte Suprema, martedì 10 maggio 2022, che è fiancheggiata da recinzioni anti-scaling a Washington.
I repubblicani hanno accusato i manifestanti favorevoli alla scelta di aver tentato di intimidire la Corte Suprema.
Foto di AP/Jacquelyn Martin

Il potenziale cambiamento di status nei diritti all’aborto ha scatenato l’indignazione di migliaia di manifestanti in tutto il paese, nonché di democratici e di alcuni repubblicani di centro al Congresso.

Il dibattito sull’aborto ha provocato violenze in precedenza, compresi gli omicidi di operatori sanitari.

Le proteste arrivano in risposta a una bozza di parere della Corte Suprema trapelata la scorsa settimana che indicava che la corte intende annullare la storica sentenza sull’aborto Roe v. Wade.

I manifestanti protestano fuori dalla Corte Suprema degli Stati Uniti martedì 3 maggio 2022 a Washington.
Attivisti pro-choice continuano a protestare davanti alla Corte Suprema.
AP Photo/Jose Luis Magana

Lunedì, Psaki ha ribadito su Twitter che la Casa Bianca non sostiene alcuna protesta che includa violenze, minacce o atti vandalici.

“I giudici svolgono una funzione incredibilmente importante nella nostra società e devono essere in grado di svolgere il proprio lavoro senza preoccuparsi della propria sicurezza personale”, ha affermato ha scritto.

Finora, la Casa Bianca non ha scoraggiato i manifestanti dal recarsi a casa dei giudici.