Spencer Haywood: la leggenda dell’NBA che voleva uccidere il suo allenatore

Spencer Haywood: la leggenda dell'NBA che voleva uccidere il suo allenatore

Spencer Haywood: la leggenda dell’NBA che voleva uccidere il suo allenatore

Tlui Los Angeles Lakers ha vissuto una delle stagioni più deludenti della loro storia, poiché non sono riusciti a qualificarsi per i playoff nonostante avessero una formazione all-star con artisti del calibro di LeBron James, Russell Westbrook e Antonio Davis.

Tuttavia, nonostante le difficoltà sul campo, il franchise continua a ricevere consensi come risultato della nuova serie HBO “Winning Time: The Rise of the Lakers Dynasty”.

La serie si concentra sulla creazione del tempo dello spettacolo Lakers squadra che ha caratterizzato artisti del calibro di Magia Johnson, Jerry Ovest e Spencer Haywood.

Read:  Barcellona: Barcellona - Eintracht Francoforte 2-3: gol e highlights - Europa League 21/22

Spencer Haywood conferma la verità dietro la sua circoncisione

Nel quinto capitolo della prima stagione, il Lakers cartello Haywood (interpretato da Wood Harris), che rivela di essersi circonciso con un rasoio e una roccia.

Haywood lui stesso da allora ha detto che questo era davvero vero.

“È la verità,” Haywood detto a TMZ.

“Sì, ma lascia che te lo spieghi. In questa piccola città a Silver City nel Mississippi, non c’è argento e non è una città.

“È una popolazione di circa 370 persone e tu non avevi dottori, non avevi niente, quindi mia madre lo stava facendo dal punto di vista biblico che dovevi essere circonciso”.

Ha poi spiegato di essere andato dal medico per fare una pulizia della situazione.

Spencer Haywood ha cambiato per sempre l’NBA

Haywood è uno dei più grandi giocatori di basket di tutti i tempi ed è stato inserito nella Hall of Fame nel 2015.

Read:  Klay Thompson segna 38 record della stagione mentre Steph Curry è tenuto al minimo nella vittoria dei Warriors contro i Bucks

È diventato famoso guidando gli Stati Uniti alla medaglia d’oro ai Giochi Olimpici del 1968 in Messico.

Nel 1970, dopo soli due anni nella NCAA, firmò per la Seattle SuperSonicse le sue azioni hanno portato all’approvazione della regola delle difficoltà.

Questa legge ha consentito ai giocatori che avevano giocato nella NCAA per meno di quattro anni di firmare per una franchigia NBA se avessero dimostrato difficoltà finanziarie e non fossero stati in grado di trovare lavoro in altri campi.

Dopo aver giocato per il Seattle SuperSonics, Haywood ha continuato a giocare per il New York Knicks, Jazz di New Orleans, LA Lakers e Proiettili di Washington.

Il quattro volte All-Star ha vinto la NBA nel 1980 e si è ritirato con una media di 19,2 punti in oltre 760 partite NBA.

Read:  Magic Johnson si apre sull'imparare ad accettare che suo figlio si dichiara gay

Problemi di droga lo hanno portato ad assumere un sicario per uccidere il suo allenatore

HaywoodLa sua carriera è stata rovinata dalla sua dipendenza da cocaina, che ha portato a Paul Westhead decidendo di sospenderlo durante le finali NBA 1979/80.

Haywood in seguito ha rivelato che, nella sua rabbia, ha assunto un sicario per uccidere il suo allenatore.

“Ho lasciato il Forum e me ne sono andato con la mia Rolls quella notte pensando a un pensiero: quello Testa occidentale deve morire,” Haywood disse.

“Nel calore della rabbia e dello stordimento della coca, ho telefonato a un mio vecchio amico, un vero gangster certificato… Ci siamo seduti e l’abbiamo capito.”

Fortunatamente sua madre, che all’epoca era gravemente malata, lo convinse a non andare fino in fondo.