Vadym Boichenko afferma che l’Ucraina riprenderà le evacuazioni da Mariupol

Vadym Boichenko afferma che l'Ucraina riprenderà le evacuazioni da Mariupol

Vadym Boichenko afferma che l’Ucraina riprenderà le evacuazioni da Mariupol

L’Ucraina spera di evacuare 6.000 donne, bambini e anziani dalla città assediata di Mariupol mercoledì se dovesse essere mantenuto un accordo preliminare con la Russia, ha affermato il sindaco della città.

Il sindaco Vadym Boichenko, che ha lasciato Mariupol, ha detto che 90 autobus erano in attesa di dirigersi verso la devastata città portuale meridionale. Ha avvertito che l’accordo era ancora solo un accordo preliminare e che vi erano rimasti circa 100.000 civili.

Se l’accordo sarà valido, sarà il primo accordo raggiunto sulla creazione di un corridoio sicuro per consentire ai civili di fuggire da Mariupol in altre città ucraine dal 5 marzo. Quell’accordo, tuttavia, è rapidamente fallito e molti residenti sono rimasti intrappolati lì per settimane senza elettricità. acqua corrente e altri rifornimenti.

Read:  Lo scrittore di "Come uccidere tuo marito" viene processato per aver presumibilmente ucciso il coniuge

“Abbiamo in programma di inviare autobus a Mariupol, ma per ora è solo un accordo preliminare”, ha detto Boichenko alla televisione nazionale.

Ha detto che decine di migliaia di persone sono state uccise nella città sul Mar d’Azov, che è stata in gran parte distrutta da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio. Il numero non può essere verificato da Reuters.

Un residente locale osserva un edificio danneggiato durante un pesante combattimento vicino all'impianto metallurgico di Illich Iron & Steel Works, la seconda impresa metallurgica più grande in Ucraina, in un'area controllata dalle forze separatiste sostenute dalla Russia a Mariupol, in Ucraina.
Un residente locale osserva un edificio danneggiato durante un pesante combattimento vicino all’impianto metallurgico di Illich Iron & Steel Works, la seconda impresa metallurgica più grande in Ucraina, in un’area controllata dalle forze separatiste sostenute dalla Russia a Mariupol, in Ucraina.
Foto di AP/Alexei Alexandrov

La Russia nega di prendere di mira intenzionalmente i civili e non c’è stata alcuna notizia immediata da Mosca sull’eventuale creazione di un corridoio umanitario fuori Mariupol.

Read:  Il comitato della Camera del 6 gennaio ha citato in giudizio la fidanzata di Don Trump Jr

“Data la catastrofica situazione umanitaria a Mariupol, è qui che concentreremo i nostri sforzi oggi”, ha scritto su Facebook il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk, aggiungendo che le persone che desiderano lasciare Mariupol dovrebbero riunirsi in città alle 14:00

Veicoli danneggiati e bruciati sono stati visti durante pesanti combattimenti, in un'area controllata dalle forze separatiste sostenute dalla Russia a Mariupol
Veicoli danneggiati e bruciati sono stati visti durante pesanti combattimenti, in un’area controllata dalle forze separatiste sostenute dalla Russia a Mariupol
Foto di AP/Alexei Alexandrov

“Data la situazione di sicurezza molto difficile, potrebbero verificarsi cambiamenti durante l’azione nel corridoio”, ha affermato.

Con fili postali