Zelensky avverte che Putin invaderà altri paesi dopo l’Ucraina

Zelensky avverte che Putin invaderà altri paesi dopo l'Ucraina

Zelensky avverte che Putin invaderà altri paesi dopo l’Ucraina

Altre nazioni dell’Europa orientale potrebbero essere le prossime se la conquista russa dell’Ucraina avrà successo, ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky.

“L’invasione dell’Ucraina è solo l’inizio. Poi vogliono invadere altri paesi”, ha detto Zelensky in un discorso di venerdì sera. “Tutte le nazioni che, come noi, credono nella vittoria della vita sulla morte devono combattere con noi. Devono aiutarci perché siamo i primi in linea. E chi verrà dopo?”

Le osservazioni di Zelensky sono arrivate poche ore dopo che un importante leader militare russo ha discusso dell’azione militare del suo paese in Ucraina.

Read:  L'Iran arresta almeno 22 proteste contro l'aumento dei prezzi degli alimenti di base

“Il controllo sul sud dell’Ucraina è un’altra via d’uscita alla Transnistria, dove ci sono casi di persone di lingua russa oppresse”, ha detto venerdì il maggiore generale Rustam Minnekayev alle agenzie di stampa statali russe, in quella che è stata vista come una velata minaccia per la Moldova.

La Transnistria, uno stato nominalmente separato dalla Moldova, non è riconosciuta da nessuna nazione e ha firmato un trattato di pace con la Moldova nel 1992. La regione ha somiglianze con le aree separatiste dell’Ucraina orientale con grandi popolazioni di lingua russa che la Russia ha usato come pretesto per la sua guerra di aggressione contro il paese.

Read:  Un uomo della Virginia vende casa dopo che uno squatter si rifiuta di andarsene
Zelensky ha predetto che il "L'invasione dell'Ucraina è solo l'inizio."
Zelensky ha predetto che “l’invasione dell’Ucraina è solo l’inizio”.
Foto di PATRICIA DE MELO MOREIRA/AFP via Getty Images

La portavoce del Dipartimento di Stato americano Jalina Porter ha affermato che gli Stati Uniti sostengono fermamente l’indipendenza della Moldova, sebbene si sia rifiutata di commentare direttamente la dichiarazione di Minnekayev.

Con fili postali